Prima che io nascessi nel lontano 1963 mia mamma seguì per un anno una classe di prima media, della scuola media unificata appena nata. Era una scuola media particolare: la legge era partita ma in molte zone d’Italia non esistevano ancora gli edifici scolastici e i docenti per far lezione a quelle centinaia di migliaia di nuovi studenti.

Il Ministero della Pubblica Istruzione d’accordo con la Rai decise di creare una scuola media Tv al mattino quando allora non c’era talk show e Barbare varie e un solo canale le cui trasmissioni iniziavano verso le 18.

Al mattino si alternavano le lezioni televisive di italiano, matematica e francese, più studiato dell’inglese fare da docenti con lavagna e gessetto.

Gli allievi di mia mamma seguivano i programmi in un’aula comune del suo paese e poi alla fine facevano le esercitazioni che mia mamma correggeva inviando gli elaborati a Roma.

Ora, che nell’epoca dei pc e degli smartphone in cui, a differenza di allora, abbiamo le tv a colori con centinaia di canali, grazie al digitale terrestre, in un momento in cui le esigenze di contenere il contagio del coronavirus obbliga a chiudere le scuole per un periodo lungo e non determinato a priori, mi sembra il segno che in molti campi stiamo tornando indietro o usando male le nuove tecnologie.

 

 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Una risposta

  1. Oltre alla foto e ai commenti perché non citi anche il nome di quel bravissimo maestro Alberto Manzi?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: