Nostalgia canaglia per i Ricchi e Poveri a Sanremo

Per trovare pace, dopo troppe polemiche sulle donne, la violenza, la politica Sanremo per riacquisire smalto ritorna al passato più glorioso.

I Ricchi e Poveri tornano dopo 50 anni a Sanremo e tornano nella formula originale e originaria : quella a 4 con Marina Occhiena compresa.

Nel frattempo tutto è cambiato: non c’è più il Muro di Berlino, non c’è più l’Urss, non ci sono più Dc e PCI, ha fatto in tempo perfino a tramontare Berlusconi che allora non aveva nemmeno le televisioni, non si usano più i telegrammi e le autostrade erano statali come potrebbero tornare ad essere.

Tutto cambia, senza Beatles, senza Fred Mercury, senza più i Pooh ma loro ci sono sempre : I Ricchi e Poveri.

Che sarà, che sarà della mia vita, chi lo sa, so far tutto o forse niente ma domani chi lo sa… per un Paese che sta sempre sulla collina disteso come un vecchio addormentato.

Il Paese non è cambiato poi veramente, neanche loro, forse neanche noi.

È questo il fascino eterno di Sanremo.

 

[the_ad id=”62649″]

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni