L’Eucarestia dopo il coronavirus

Prima dello scoppio della pandemia che impedisce ai fedeli di partecipare fisicamente alla S.Messa e ricevere l’Eucarestia quali erano i problemi che dividevano in modo grave la Chiesa Cattolica?

Uno era la possibilità di dare la Comunione anche ai divorziati risposati e l’altro quello di poter ordinare in Amazzonia alcuni uomini anziani sposati che potessero celebrare l’Eucarestia in comunità dove al massimo oggi si celebra una volta all’anno.

Oggi non solo nella sperduta Amazzonia ma nell’Italia, culla della Cristianità i fedeli, tutti senza distinzioni morali non possono ricevere la Comunione.

Il credente non può non interrogarsi sul segno profondo di questa situazione.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni