Papa Francesco che in una Roma deserta a piedi come un Pellegrino di altri tempi si reca alla Chiesa di S.Marcellino al Corso dove è conservato il Crocifisso che era stato portato in processione ai tempo dell’ultima grande Peste cinque secoli fa.

È la risposta concreta, muta, senza polemiche a chi accusa la Chiesa di obbedire allo Stato non celebrando le Messe aperte ai fedeli e prima accusava Francesco di occuparsi solo di problemi sociali ed ecologici.

Una risposta anche a chi accusa la Fede di estraniare l’uomo da un’azione ispirata dalla scienza e dalla razionalità.

La Chiesa si adegua e ci chiede di adeguarsi alle disposizioni anche dure delle autorità per contenere la diffusione del contagio senza se e senza ma nel contempo il Papa ci testimonia come la Fede ci insegni che tutto anche la libertà e la salute siano doni di Dio da chiedere perché mai scontati e acquisiti per sempre.

“ Fare tutto come se dipendesse da te e come se tutto dipendesse da Dio”, ha detto S. Francesco di Sales ed è la cosa più giusta in questo momento per chi crede.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni