Il mio ricordo di Vittorio Gregotti

Ci lascia Vittorio Gregotti, un Grande Novarese. È stato un Grande Architetto, forse il più Grande del Novecento italiano, certamente il più grande del Dopoguerra.

Novarese, figlio di industriali tessili, è l’espressione più bella della borghesia Novarese: illuminata, colta, operosa e non solo ricca e basta.

La sua intelligenza era applicata a far vivere le persone in Città Belle, Verdi, fatte per far crescere l’uomo in armonia.

Così avrebbe voluto Novara, in cui era cresciuto nel nostro Liceo Classico e a cui tornava amato e venerato come il Maestro che è stato e che sarà sempre.

Ora è davanti al più Grande degli Architetti, lo accolga con Amore, lo prego.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL