Un’invasione militare dell’Ucraina da parte della Russia non avrebbe alcuna giustificazione razionale politica ed economica e sociale.

La richiesta dell’Ucraina di aderire alla NATO, richiesta avanzata da tempo ma per cui non esiste alcuna istruttoria ufficiale,non può essere presa in considerazione perché lo Statuto della NATO esclude l’adesione di Paesi che abbiano conflitto interni in corso, è una richiesta legittima ma anche se la Russia la sente come una minaccia non può costituire un alibi per un’aggressione con la forza. 

Il fatto di aderire alla NATO non comporterebbe la presenza di armi nucleari americane sul territorio ucraino, sono molti i Paesi aderenti alla NATO che non hanno basi militari americane sul

proprio territorio e tanto meno nucleari ma comunque deve essere oggetto di trattative e non risolto nel sangue da Putin. 

È palese dal discorso che ha fatto Putin alla nazione che questo autocrate non riconosce il diritto di esistere come entità autonoma all’Ucraina, una volontà inaccettabile per il diritto internazionale e lo statuto dell’Onu ma disconosce gli stessi accordi di Minsk stipulati fra Putin e il governo ucraino che riconoscevano gli attuali confini dell’ Ucraina.

Si tratterebbe di un precedente pericolosissimo e Putin dimostrerebbe di non aver voluto ascoltare i numerosi appelli fatti dalla comunità internazionale alla trattativa e alla rinuncia dell’uso della forza e della guerra che gli sono stati rivolti in questi giorni in modo pressante ed accorato .

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL