ll 18 Aprile 1948 il popolo italiano ha scelto la libertà, scegliendo in libere elezioni la  Dc e i suoi partiti alleati, il PLI, il PRI, il PSDI, ha detto che voleva stare di qua, con gli USA e le altre nazioni europee e democratiche, la Francia, la Germania, l’Olanda, il Belgio, la Gran Bretagna.

Dissero di No agli eredi del fascismo, l’Msi che avrebbe voluto farci diventare una cosa molto simile alla Spagna franchista e al Portogallo di Salazar e dissero di no al Fronte Popolare che guardava alla Russia sovietica.

Questi Paesi dettero vita alla NATO e questa scelta ci risparmio’ di fare la fine della Germania dell’Est, dell’Ungheria nel ‘56, della Cecoslovacchia nel 1968, della Polonia nel 1982, dell’Ucraina nel 2022. 

Niente carri armati russi per imporci come vivere, certo diverse basi americane vennero aperte e tuttora insistono sul nostro territorio.

A quanti oggi sono preoccupati per il futuro della nostra economia e del nostro benessere si può benissimo ricordare che è stata la scelta occidentale, delle istituzioni parlamentari, del pluralismo politico e sociale, delle libertà sindacali , dell’economia di mercato sempre più integrata con gli altri partners europei e con gli USA a garantirci livelli sempre crescenti di benessere e di libertà come l’Italia non aveva mai conosciuto nella sua storia. 

Gli italiani hanno fatto molti sacrifici per questo benessere e questa libertà, probabilmente ne dovranno fare ancora ma nella chiarezza di una collocazione europea, occidentale, atlantica che non ha alternative concrete di libertà,benessere, democrazia, ora come allora, il 18 aprile 1948, il 18 aprile 2022.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL