Covid, più no vax negli ospedali. A Borgomanero il 69% dei ricoveri, oggi un decesso

Oggi nel Novarese 112 nuovi contagi e oltre 1000 attualmente positivi: maggior contagiosità nell'alta provincia. In Piemonte non vaccinato quasi l'80% di chi è in rianimazione. La Fiaso: nelle ultime due settimane +32% di no vax in terapia intensiva e 33% in meno di vaccinati (con seconda dose da oltre 4 mesi). Report Altems: i no vax si contagiano 10 volte in più.

Ancora un decesso nel Novarese a causa del Covid (all’ospedale SS. Trinità di Borgomanero) mentre cresce – come in tutta Italia – il numero di non vaccinati che vengono ricoverati in ospedale, perché in condizioni serie o critiche.

Oggi, venerdì 10 dicembre, negli ospedali della provincia per Covid sono ricoverate 21 persone di cui 3 in terapia intensiva (che erano vuote a inizio mese fino al 5 dicembre). In particolare al SS. Trinità di Borgomanero (di cui l’Asl NO fornisce dati dettagliati) i ricoverati sono saliti a 14 (uno in terapia intensiva) dopo il ricovero di due persone non vaccinate e un decesso. L’ospedale nelle ultime tre settimane (da venerdì 19 novembre) ha registrato 26 nuovi ricoveri, di cui 18 (il 69%) non vaccinati, e 5 decessi. Nello stesso periodo al Maggiore di Novara sono avvenuti 13 nuovi ricoveri e 4 decessi.

Va sottolineato che oggi in provincia di Novara si sono registrati 112 nuovi casi (su una media giornaliera di 84 nell’ultima settimana) e sono stati superati i mille infetti: 1007. Nell’alto Novarese sono 492 (pari a 3,44 ogni mille abitanti), mentre nell’area Sud con il capoluogo, gli attualmente positivi sono saliti a 515 (2,35 ogni mille abitanti). L’incidenza in provincia è salita a 162.

Sotto il profilo vaccinale nel distretto Nord dell’Asl NO la presenza di non vaccinati (oltre 16500 persone, ultimi dati del 1° dicembre) era del 12,3% mentre nei distretti Sud e del capoluogo i 20500 non vaccinati rappresentavano il 12,1% della popolazione sopra gli 11 anni.

PIEMONTE, IN RIANIMAZIONE QUASI L’80% DI NON VACCINATI

Il dato novarese si accompagna ai dati che emergono a livello regionale e nazionale.

Gli ultimi dati forniti oggi dalla Regione affermano che in Piemonte il 77,3% dei pazienti ricoverati per Covid in terapia intensiva non sono vaccinati. In particolare, dei 44 ricoveri attuali 34 riguardano pazienti non vaccinati (21 uomini e 13 donne), altri 10 sono invece pazienti vaccinati (5 uomini e 5 donne), ma con un quadro clinico serio per patologie pregresse.

Il quadro aggiorna il precedente al 3 dicembre che indicava come fossero no vax 2 pazienti su 3 ricoverati in terapia intensiva: su 34 ricoveri 25 riguardavano non vaccinati e 9 invece vaccinati.

Inoltre, dati al 3 dicembre, in Piemonte il contagio era 4 volte più alto tra i non vaccinati: nella settimana 22-28 novembre su 3.914 nuovi positivi i vaccinati erano 2.223 (cioè 67,3 ogni centomila vaccinati) mentre 1.691 erano non vaccinati (cioè 256,2 ogni centomila persone non vaccinate con 12 anni o più).

VACCINATI IN INTENSIVA: IN MEDIA 75ENNI CON SECONDA DOSE DA OLTRE 4 MESI

Ma quali persone finiscono in terapia intensiva? Il monitoraggio della Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), che compie periodiche rilevazioni sull’attività di 16 ospedali italiani “sentinella”, con i dati al 7 dicembre rileva che, nelle ultime due settimane, nelle terapie intensive è aumentato del 32% il numero dei pazienti no vax ed è diminuito del 33% quello dei vaccinati, per altro – è specificato – tutte persone con ciclo vaccinale completato da più di 4 mesi. Nell’ultima settimana le ospedalizzazioni sono cresciute del 10%. Inoltre, spiega la Fiaso, “l’età media di chi finisce in ospedale è più alta, pari a 75 anni, tra i vaccinati e più bassa, pari a 64 anni, tra i non vaccinati”. Inoltre i pazienti vaccinati al 71% presentano altre patologie gravi, mentre quasi metà dei non vaccinati (il 44%) non presentava malattie significative prima di aggravarsi per il Covid e finire in rianimazione.

La Fiaso dà una sottolineatura anche sui pazienti pediatrici: sono 19 i ricoverati con meno di 18 anni (metà ha meno di 5 anni), di cui 1 in terapia intensiva.

NECESSARIA LA TERZA DOSE: I NO VAX CONTAGIATI 10 VOLTE IN PIU’

La Altems (Alta scuola di economia e management del sistema sanitario dell’Università Cattolica del Sacro Cuore) in un report del 9 dicembre ha invece valutato che ”il 67% dei vaccinati oltre 5 mesi non sarebbe contagiato se fosse stato sottoposto a vaccinazione con terza dose. Questo avrebbe permesso una riduzione del numero totale dei contagi pari a circa 29.319 su 44.023 contagi verificatisi negli ultimi 30 giorni”. La maggior parte dei contagi evitabili è calcolata nella fascia d’età tra 12 e 39 anni: il 73% di quelli avvenuti in quella fascia. Il calcolo è basato sui dati che stimano 25 persone contagiate ogni centomila con la terza dose, quindi 61 ogni centomila vaccinati con ciclo completo entro 5 mesi e 90 tra gli stessi vaccinati ma da più di 5 mesi. Infine il report Altem sottolinea: “L’epidemia corre più veloce tra i non vaccinati con un tasso di incidenza pari a 237,95 nuovi casi ogni 100.000 abitanti, pari a circa 10 volte in più la popolazione vaccinata con terza dose”.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Antonio Maio

Antonio Maio

Nato a Lecco il 26 febbraio 1957, vive a Novara dal 1966. È sposato e ha un figlio. Iscritto all'ordine dei giornalisti il 30 aprile 1986 ha svolto la professione quasi esclusivamente ai nove settimanali della Diocesi di Novara fino a diventarne direttore nel settembre 2005, carica mantenuta fino a tutto il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni