Trecate: addio a Teresio Zanari, uomo di politica e attento alla sua città

Cordoglio a Trecate: si è spento a 77 anni Teresio Zanari, uomo di politica. Teresio Zanari era attento alla sua città, ai suoi cittadini, era partecipe della comunità e lo si trovava spesso in giro per Trecate fermo a intessere discorsi con qualcuno. Cortese, gentile, disponibile, «Una persona più brava del Teresio credo di non averla conosciuta e non lo dico per retorica» dice Augusto Galli, con cui ha condiviso alcuni anni in amministrazione e anche, per qualche tempo, il volontariato in Croce rossa.

Originario di San Martino di Trecate, funzionario con alte cariche in Enel, Zanari ha scritto tante pagine di politica locale. E un uomo che ha partecipato alla vita della comunità anche dopo aver concluso quella attiva in politica.

Consigliere della Democrazia cristiana negli anni ’90, Zanari ha ricoperto anche incarichi nella direzione ed è stato segretario locale. Dal 1995 al 2004 è stato al fianco dell’allora sindaco Pier Paolo Almasio, prima come assessore e poi, nel secondo mandato come vicesindaco. E’ stato anche consigliere di minoranza con l’amministrazione Zanotti, ma si è dimesso poco dopo. «E’ una notizia che mi rattrista molto, ho condiviso tanto con lui, – dice Almasio – Teresio era una persona valida, sempre attiva e che si è data tanto da fare».

Il suo nome è legato ad alcuni episodi della città: «E’ stata sua la battaglia per il centro di incontro anziano, voleva fosse migliorato e reso ancora più allegro, – spiega lo storico Franco Peretti, che è stato anche suo compagno di classe alle elementari – ha battagliato anche per il mercato, non ha poi vinto perché non sono state trovate soluzioni, ma lui ci credeva fortemente». Peretti sottolinea una sua grande caratteristica: «Sapeva stare con le persone, parlava con loro e le capiva. Questo aspetto è ben sottolineato dal fatto che alle elezioni erano sempre tante le preferenze rivolte a lui, un segnale importante per un uomo di politica».

 

 

Teresio Zanari negli anni aveva anche raccolto in faldoni diversi documenti, articoli, stralci relativi al suo impegno, come memoria storica. Ma l’ex vicesindaco era anche l’uomo in calzoncini, maglia e fischietto arrivato fino in serie A: diventato arbitro di calcio nel 1966, aveva raggiunto poi la massima serie come assistente arbitrale, diventando poi benemerito nel 1999. «Teresio era quanto di più associativo ci possa essere in una sezione arbitrale. Sempre presente a qualsiasi evento, Rto, torneo, era diventato la mascotte della sezione, – dicono dalla sezione Aia Novara – Teresio sarai sempre con noi, in ogni nostro evento».

Lascia le figlie Maria Cristina e Gabriella, la data del funerale a oggi (giovedì 3 dicembre) non è stata ancora resa nota.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: