Volley, la Igor ha calato il poker e contro l’Olomouc vuole allungare il suo cammino

La Igor ha calato dunque il poker, centrando ieri contro le russe della Dinamo Kazan il quarto successo in altrettanti match della Pool E di Champions (nella foto Cev la soddisfazione delle giocatrici dopo un’azione vincente). Un primato che le novaresi condividono unicamente con altre due compagini, entrambe turche, il Vakifbank e l’Eczacibasi. E nel pomeriggio di oggi, mercoledì 3 febbraio, sempre alle 17.30, cercherà di allungare ulteriormente il suo cammino chiedendo strada alle ceche dell’Olomouc, superate 3-0 dalle patrone di casa del Police nel match che ha concluso la prima giornata.

Nei commenti del post gara tutta la soddisfazione di un gruppo apparso ancora una volta coeso e pronto al sacrificio. La consapevolezza di aver ottenuto un importante risultato viene rimarcato un po’ da tutti perché la formazione russa si è dimostrata decisamente più agguerrita e di livello superiore rispetto a quella vista a Novara nello scorso mese di novembre. Il primo a riconoscerlo è lo stesso tecnico azzurro Stefano Lavarini: «Abbiamo disputato un’ottima prestazione e non era facile perché Kazan è cresciuta, alzando di molto il ritmo. Abbiamo avuto la capacità di rimanere sempre in partita, di aspettare le nostre avversarie nei momenti delicati e di chiudere a nostro favore le fasi decisive di ciascun set. E’ un bel passo in avanti ma è fondamentale tenere bene a mente che ne servono altri per raggiungere il nostro obiettivo».

 

«Kazan è stata una squadra totalmente diversa da quella affrontata all’andata – gli fa eco Britt Herbots, una delle quattro giocatrici andate in “doppia cifra” – E’ cresciuta tantissimo nel muro-difesa e non è stato facile avere la meglio. Per questo è un successo importante».

Nessuna delle compagne vuole parlare di percorso in discesa… «Domani (mercoledì, 3 febbraio, ndr) avremo un’altra sfida da vincere e giovedì ci aspetta una battaglia contro il Police, squadra che ha un bel gioco, ottime schiacciatrici e un’eccellente fase di muro», è il commento di Haleigh Washingon, mentre per Caterina Bosetti «è stata una partita complicata e tirata e alla fine l’abbiamo portata a casa, compiendo un passo importante verso la qualificazione. Non è finita, il traguardo non è raggiunto». Pesniero condiviso da capitan Cristina Chirichella: «Abbiamo messo un tassello importante per costruirci la qualificazione, vincendo una partita durissima contro un grande avversario. Ora ci aspettano altre due partite che saranno a loro volta tirate e decisive».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni