Novara, con il Livorno al Piola è sfida-salvezza

Una sfida-salvezza da non fallire per il Novara: il match di domani, 16 febbraio, alle 12.30 al Piola vale più dei tre punti in palio, visto che gli azzurri di Banchieri riceveranno il Livorno invischiato nel pantano della zona playout. Sabbie mobili da cui il Novara si è chiamato fuori e in cui non vuole tornare a sprofondare. Per questo, dopo lo sfortunato (e immeritato) k.o. di Pontedera, gli azzurri sono chiamati a riprendere immediatamente il percorso positivo. Le brutte notizie per Banchieri arrivano dall’infermeria, con il portiere Lanni (spesso decisivo) a rischio forfait a causa di un problema alla spalla.

Potrebbe essere così l’occasione per vedere dal primo minuto Desjardins, con il resto della formazione che dovrebbe essere quasi integralmente confermata rispetto alle ultime uscite. Chi scalpita per un posto da titolare è Bortoletti, cui potrebbe far posto in partenza Collodel, pronto a sua volta alla staffetta. Per il resto, difficile che cambi il “poker” offensivo che ha dimostrato ottimo affiatamento e in mezzo alla difesa l’assenza prolungata di Migliorini riporta alla coppia Bove – Bellich con Pogliano che potrebeb a sua volta osservare un turno di riposo.

 

 

«Per noi è uno scontro diretto per la salvezza, come quello con la Lucchese – conferma Banchieri – e possiamo ripartire dalle buone prestazioni delle ultime settimane, con l’obiettivo però di essere più concreti rispetto a quanto avvenuto a Pontedera. A livello di condizione fisica la squadra ha ritrovato brillantezza, stiamo bene».

La probabile formazione

NOVARA (4-2-3-1): Desjardins; Corsinelli, Bellich, Bove, Cagnano; Bortoletti, Schiavi; Malotti, Lanini, Panico; Rossetti. A disp: Lanni, Pogliano, Lamanna, Pagani, Collodel, Bianchi, Buzzegoli, Ivanov, Cisco, Gonzalez, Zunno, Moreo. All. Banchieri

 

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Giuseppe Maddaluno

Giuseppe Maddaluno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL