Da Oleggio i “cassoni della solidarietà” per dare e prendere in silenzio

In un momento così particolare della vita quotidiana, un momento che riguarda davvero tutti, nessuno escluso, è bello rendersi conto dei tanti gesti di solidarietà. Ed è bello dare opportunità a tutti di tendere una mano e anche di prenderla quella mano stessa, quando si è in difficoltà. Il tutto in silenzio.

 

 

Succede in un bar, in via Mazzini, a Oleggio. La titolare di un bar del centro oleggese ha disposto, fuori dal locale al momento chiuso, i “Cassoni della solidarietà”, cassoni dove le persone possono depositare beni alimentari e non (gli spazi sono ben distinti) oppure possono prendere da quegli stessi contenitori, in caso di bisogno. Tutto secondo la coscienza dei cittadini. E sulle pareti esterne del bar alcuni cartelli: “Se puoi metti se non puoi prendi”; “Insieme siamo più forti”. Un semplice semplice, chiaro, efficace. «Penso spesso a chi non può, a chi non chiederà, a chi in questo momento si sente solo e magari ha vergogna, questa idea mi è sembrata una buona soluzione, così si rispetta l’assoluto anonimato e si fa del bene. Se dovessi notare che tante persone danno e poche prendono porterò il ricavato alla Protezione civile» dice la titolare del bar. Con il consenso dei vigili e la collaborazione di altri negozianti nel reperire cassoni e realizzare i cartelloni esplicativi il tutto ha preso forma.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: