C’è il Craxi che voleva fare in Italia una socialdemocrazia europea alla Mitterand, alla Brandt, alla Olof Palme e quindi criticava, d’accordo con personalità come Norberto Bobbio, le ambiguità del PCI di Berlinguer che ricercava un’impossibile terza via fra comunismo e socialdemocrazia.

C’è il Craxi che quando Bobbio sostiene che esiste una questione morale perché il fine di portare avanti un Terzo Polo fra Dc e PCI non giustificava le tangenti allora Craxi liquidava Bobbio come ” intellettuale dei miei stivali”.

C’è il Craxi che fa entrare l’Italia nel G-7 picchiando i pugni sul tavolo, il Craxi di Sigonella che non cede agli americani e c’è il Craxi che non accetta di farsi processare.

Neanche dopo 20 si riesce a distinguere i vari Craxi, nemmeno l’uomo arrogante che si mette a fare quasi a cazzotti con un steward dell’Alitalia che meritava i fischi e l’ultimo Craxi che muore e viene sepolto fuori dall’Italia e potrebbe avere diritto alla pietà se non fosse che ci dividiamo sul fatto che fosse in esilio oppure latitante.

Tanti Craxi, ognuno ha il suo: quello della famiglia, quello degli ex socialisti, quello degli ex comunisti , quello degli italiani .

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL