Ha diritto di dire la sua sulle Foibe

Eric Gobetti è uno storico torinese, ha scritto un libro sulla vicenda orribile e tristissima delle Foibe di cui qualche giorno fa abbiamo celebrato il ricordo dei suoi Martiri e dell’Esodo del popolo Giuliano, istriano e dalmata.

Il libro da’ una versione sua delle origini di questo episodio, lo vuole contestualizzare nella vicenda storica dell’occupazione della ex Jugoslavia e della persecuzione da parte del nazifascismo prima della minoranza slovena e croata in Italia e poi delle stesse popolazioni della Slovenia e della Croazia di lingua e cultura slava.

 

Le tesi contenute nel libro possono benissimo essere criticate e possono essere tacciare di riduzionismo e revisionismo, condivise in parte o del tutto o pochissimo.

Si può decidere di leggere il suo libro, non leggerlo per principio e sconsigliarne la lettura sulla base di stroncature di persone che stimiamo o perché siamo convinti già di avere delle certezze sulla questione basate sulle nostre letture o sull’ascolto di testimonianze o sulle nostre esperienze personali o familiari.

Quello che nessuno può permettersi di fare è riversare odio e insulti su Gobetti sul web e sui muri, minacciare di morte lui e i suoi familiari per le sue idee sulle Foibe.

Quegli uomini e quelle donne, lontane nel tempo e nello spazio eppure così sempre vicine a noi negli affetti e nel ricordo sono morte per un eccesso di odio.

Donne, uomini, bambini, maestri, Carabinieri, Finanzieri, Poliziotti, preti, cattolici, laici, liberali, socialisti , antifascisti e fascisti, italiani ma anche di altre nazionalità sono stati sepolti nelle Foibe per odio, odio ideologico, politico, etnico, sociale, nazionale.

Odiare ancora significa offendere la loro memoria, significa infoibarli ancora indifesi e incolpevoli come allora. 

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: