Il programma del Generale Figliuolo è molto chiaro:  arrivare all’80% della popolazione Over 16 anni entro il 30 settembre, un obbiettivo che comprende molte centinaia di migliaia di Over 80, Over 60, Over 50 i soggetti più a rischio di contagio e ospedalizzazione con esiti gravi e letali. 

Non è un obbiettivo irraggiungibile, stante la necessità di avere il Green Pass indispensabile dal 1 settembre per prendere aerei e treni e per assistere a spettacoli o anche solo mangiare una pizza al chiuso visto che prima o poi le giornate calde su ridurranno o spariranno .

Sono però le categorie più refrattarie, più spaventate, più fataliste o disinformate da una insistente propaganda no Vax .

Un lavoratore italiano su 3 non sarebbe tuttora vaccinato , perfino il 30% della polizia e il 40% delle guardie carcerarie in un ambiente particolarmente chiuso e a rischio.

La Confindustria accusa i Sindacati di non voler introdurre l’obbligo vaccinale per via contrattuale ma Cgil-Cisl-UIL ritengono che l’obbligo possa essere solo in virtù di una legge che anzi a questo punto chiedono e sollecitano a Governo e Parlamento.

Una legge che obblighi alla vaccinazione anti-COVID al momento è impossibile che passi in Parlamento o anche solo abbia l’unanimita’ in Consiglio dei Ministri.

Non solo l’unica opposizione , Fratelli d’Italia della Meloni, è assolutamente e duramente contraria ma anche Salvini pur invitando a vaccinarsi ha ribadito la sua contrarietà a qualsiasi obbligo vaccinale e non vuole essere scavalcato dalla Meloni che lo insegue e a volte precede nei sondaggi .

Anche il Movimento 5 Stelle non è unanime sull’obbligo vaccinale e probabilmente si spaccherebbe in due, su tutto pendono le Elezioni amministrative ormai prossime del 3 ottobre per l’elezione dei Sindaci di Roma, Torino, Napoli, Milano e molti altri capoluoghi di provincia come Novara. 

Certamente la destra non vuole perdere i voti della minoranza No Vax e così anche una parte dei 5 Stelle, il fatto che Pd, Renzi e Calenda questa volta sarebbero uniti a sostenere l’obbligo non è sufficiente.

Una vittoria della destra alle Elezioni comunali in tutta Italia rafforzerebbe la loro posizione e di obbligo vaccinale non si potrebbe mai più parlare in Italia.

ReplyForward

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni