Nella predica che il nipote Mons. Filippo Ciampanelli, addetto della Segreteria di Stato in Vaticano, ha pronunciato per i funerali dello zio Don Francesco Ciampanelli emerge una figura di missionario appassionato e avventuroso .

Come nella lettera che aveva scritto ai familiari da parroco in Perù, a 4.000

metri di altezza, in una zona insanguinata  dai terroristi di Sendero Luminoso: “hanno ammazzato già il Sindaco e il Prefetto, ora c’è solo  il Parroco, arrivederci in Paradiso se non ci vediamo prima.

E poi il Burundi proprio dopo il genocidio , dalla Valle Antrona dove aveva iniziato il suo ministero da prete novello fino ai dieci anni al Torrion Quartara.

La vita di Don Francesco si staglia luminosa per la fedeltà alla Chiesa di un prete che teneva insieme la scelta per i poveri e la devozione per la Madonna di Medjuogorie oltre ogni schematismo progressisti contro tradizionalisti.

La Chiesa di Papa Francesco affonda le sue radici in preti come il novarese Don Francesco , novarese di Porta Mortara nella cui Chiesa di S. Giuseppe, gremita di fedeli e sacerdoti, si sono svolti i funerali celebrati dal Vescovo Brambilla.

Aveva una predilezione per i lontani, non solo quelli lontani geograficamente ma anche i lontani dalla Chiesa come il suo amico Victor, ateo russo e comunista , chirurgo che ha speso la sua vita in Africa. 

“ Un giorno Gesù ti riconoscerà, gli diceva Don Francesco, ma Gesù non esiste gli rispondeva quello, lo vedremo alla fine era la risposta di Don Francesco. 

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni