[ditty_news_ticker id="138254"]

La politica non fa bene ai sindacati

Devo ammettere onestamente che l’intervento del segretario generale della Cisl Luigi Sbarra al congresso di Forza Italia mi ha impressionato e non in positivo. Mentre non ci troverei niente di male se Sbarra, dimettendosi da segretario, si candidasse nelle liste di FI alle prossime Europee, la Cisl ha sempre visto un largo pluralismo di opzioni politiche al suo interno , ho trovato troppo stonato, rispetto alle rivendicazioni di grande autonomia, un eccessivo appiattimento del leader cislino su Forza Italia.

Mi sembra però che la risposta della Cgil che si appresta a presentare dei referendum abrogativi su questioni del lavoro aumenti solo la troppa confusione di ruoli fra politici e sindacati.

Nel merito ha ragione la Cgil, la normativa sui licenziamenti individuali e quella sugli appalti sono leggi sbagliate ed ingiuste  ma non credo che il ruolo dei Sindacati debba essere di scendere sul piano politico contro i Governi e, ovviamente, nemmeno a favore dei Governi.

Mi limito a registrare che se dei progressi veri i lavoratori hanno potuto fare, ad esempio nei nuovi lavori come i rider che ci portano pizze e spesa a casa, lo devono piuttosto ai giudici che ai sindacati.

In campi come la sicurezza del lavoro e la logistica ci sarebbe tanto bisogno di sindacati uniti e forti e anche duri perché nessuno ti regala niente.

Mi sembra che qualcuno pensi di poter recuperare il tanto terreno perduto sul fronte dei diritti e delle lotte: va usata questa parola che è diventata desueta, spostando la mobilitazione dei lavoratori sul piano politico ed elettorale ma potrebbe essere solo tempo perso , inutile e fuorviante e forse i lavoratori si attendono altro anche se mi rendo conto che è sempre più difficile.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Una risposta

  1. Il “lavoro” del Sindacato consiste nel contrattare, nel raggiungere accordi sulle materie del lavoro che cerchino di interpretare le esigenze e le sensibilità dei lavoratori rappresentati. Contrattare è un lavoro altamente politico ma diverso dall’attività politica dei partiti. Pensare di costruirsi un ruolo più forte entrando in competizione con i partiti è un grosso errore. Non solo si fa confusione ma si cerca una legittimazione impropria. E’ meno faticoso declamare che fare accordi ma il sindacato non deve prendere voti, deve fare iscritti … e gli iscritti li fai se stai nei luoghi di lavoro, se studi i problemi, se individui delle soluzioni per le quali trovi il consenso, se riesci a mobilitare i lavoratori quando le loro richieste vengono ignorate.
    I partiti si servono molto della propaganda e si espongono a una verifica quando si vota, una volta ogni tanto. Il sindacato della propaganda non se ne fa nulla e viene verificato tutti i giorni. Se un lavoratore ti deve chiedere una informazione, devi esserci. Se non ci sei perché stai declamando altrove, hai già perso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni