“Verrà il giorno in cui due più due tornerà a fare quattro, in cui la guerra sarà chiamata guerra, e saranno riconosciuti criminali quelli che l’hanno fomentata e scatenata, non coloro che hanno cercato di fermarla. Questo giorno arriverà, inevitabile come la primavera che viene a cambiare l’inverno più freddo. E allora la nostra società aprirà gli occhi e rabbrividirà per i terribili delitti perpetrati a suo nome. Comincerà allora un cammino arduo ma importante per l’intera Russia, che porterà al suo ritorno nella comunità delle Nazioni civili. Persino oggi, persino nel buio che ci circonda, in questa gabbia, io amo il mio Paese e credo nella nostra gente. Prima o poi percorreremo insieme questa strada.”

Vladimir Karamurza, dissidente russo condannato il 17 aprile 2023 a 25 anni di carcere duro per reati di opinione ai suoi giudici prima della condanna la settimana scorsa

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

Il 25 Aprile di Vladimir