“Il violinista”: nel cast della pellicola made in Vco l’attore novarese Sacha Trapletti

La proiezione del film in anteprima nazionale stasera 4 novembre al teatro Maggiore di Verbania

Un anno di lavorazione e adesso è pronto per il pubblico il film “Il violinista”, tratto da un racconto dello scrittore domese Alessandro Chiello e diretto dal regista Mirko Zullo. La pellicola è stata interamente realizzato nella provincia del Verbano Cusio Ossola e sarà proposta oggi venerdì 4 novembre, alle ore 21, a Il Maggiore di Verbania in anteprima nazionale. 

Nel cast, oltre ai volti più noti – Edoardo RomanoFabrizio Rizzolo e Davide Mengacci al suo esordio sul grande schermo – l’attore novarese, Sacha Trapletti. «Sono un verbanese di adozione – afferma il giovane attore – anche perchè sono domiciliato a Quarna Sotto, sebbene viva a Novara, dunque il territorio del Vco lo sento molto vicino a me. Ho sostenuto e superato il provino per Il ruolo di Jerry il coprotagonista della storia e sono molto soddisfatto perchè mi sono voluto mettere in gioco – visto che io arrivo dal teatro – e creare qualcosa di nuovo e interessante approcciandomi al mondo cinematografico. Molto stimolante è stato l’incontro tra la “vecchia” generazione attoriale e quella “nuova” che mi ha permesso di ricercare e trovare un nuovo tipo di approccio alla recitazione».

«L’atmosfera sul set è stata davvero meravigliosa – ha concluso Trapletti – eravamo tutti uniti, tutti con lo stesso intento e l’occhio della telecamera mi è servito a “guardarmi” da un’altra angolatura visto che, un attore di teatro come lo sono io, solitamente non è solito considerare. Il film è davvero uno sguardo preciso sulla realtà del territorio verbanese e questo non fa che impreziosire l’intera esperienza targata “Il violinista”. Insomma, un’esperienza senza dubbio costruttiva per la mia carriera da attore».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni