Logistica in città, nuovo servizio ferroviario merci tra Novara e Anversa

Hupac, il gruppo svizzero che gestice il Cim, ha annunciato un investimento da 275 milioni di euro

Hupac, gruppo svizzero tra i leader in Europa nel trasporto combinato strada/rotaia, che gestice il Cim, Centro intermodale merci di Novara, attraverso la partecipata Combiconnect, investirà fino al 2026 oltre 300 milioni di franchi svizzeri (circa 275 milioni di euro) in terminal, materiale rotabile e trasformazione digitale per promuovere l’intermodalità. Al centro della strategia 2026 di Hupac, infatti, c’è il rafforzamento dei traffici lungo l’asse Reno-Alpi ( Genova-Rotterdam). Hupac mira a collegare, attraverso la ferrovia, la rete dei porti italiani con il cuore dell’Europa. E infatti nei giorni scorsi è stato annunciato un nuovo servizio ferroviario merci tra Novara e Anversa.

Grande attenzione sarà riservata all’Italia, dove Hupac vanta una presenza storica: l’hub logistico di riferimento è quello di Busto Arsizio, in Lombardia. Entro il 2025, è stato spiegato ieri a Chiasso dai vertici della società elvetica, due grandi terminal saranno costruiti e messi in funzione nel Nord Italia insieme con Mercitalia Logistics (il polo merci del Gruppo Fs): Milano Smistamento e Piacenza. Inoltre, sempre entro il 2025, per il terminal di Novara Cim, Hupac prevede un’importante espansione della capacità con gru a portale.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL