Cronaca Giudiziaria

Uccise l’amico a coltellate, il pm chiede 17 anni

Rito abbreviato per Alberto Pastore, il 23enne di Cureggio che nella notte tra il 25 e il 26 agosto dell’anno scorso uccise Yoan Leonardi. Il papà di Yoan: «Io non ho più niente, solo bei ricordi»

Rito abbreviato per Alberto Pastore, il 23enne di Cureggio che nella notte tra il 25 e il 26 agosto dell’anno scorso accoltellò Yoan Leonardi, l’amico di sempre, al culmine di una lite, sulla strada tra Borgo Ticino e Comignago. Il pubblico ministero Giovanni Castellani ha chiesto 17 anni di reclusione (il rito abbreviato prevede, in caso di condanna, lo sconto di un terzo della pena); la difesa, con gli avvocati Lorena Fusé e Paola Lorenzini, il minimo della pena con la massima estensione delle attenuanti.

 

 

All’udienza (che si è svolta in camera di consiglio), davanti al gup Rossana Mongiardo, erano presenti i familiari di Yoan, il papà Marino, la mamma Marie Claude, il fratello Sebastiano e la sorella Fanny, costituiti parte civile con l’avvocato Alessandro Romeo.

«Cosa mi aspetto? Giustizia – risponde con le lacrime agli occhi papà Marino all’uscita dall’aula al termine dell’udienza – Rispetto la giustizia ma moralmente è dura da accettare; io non ho più niente, solo bei ricordi. Più passa il tempo più è difficile accettare la mancanza di Yoan. La vita è dura, non si può dimenticare».

Alberto Pastore ha seguito l’udienza in video collegamento dal carcere di Novara e prima della requisitoria del pubblico ministero ha fatto spontanee dichiarazioni ribadendo il proprio pentimento.

La sentenza verrà pronunciata entro fine luglio.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati

Sport

Diariosport.15

Diariosport.15

La nostra rubrica si occupa oggi di ginnastica artistica e ritmica con i grandi risultati colti dal Cgm Cameri, di