«Tamponi negli hotspot Asl anche nel week end, ma il vaccino resta la priorità»

«Tamponi negli hotspot Asl anche nel week end, ma il vaccino resta la priorità». Lo dichiarano il presidente della Regione Alberto Cirio e l’assessore alla Sanità Luigi Icardi a poche ore dall’entrata in vigore dell’obbligo di Green pass per l’accesso nei luoghi di lavoro.

Per supportare le farmacie e i laboratori privati che in questi giorni registrano un considerevole afflusso di prenotazioni e richieste di effettuazione di tamponi rapidi da parte dei cittadini, in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo di certificazione verde Covid (green pass), la Regione Piemonte ha deciso di consentire l’effettuazione dei tamponi rapidi anche negli hotspot pubblici sul territorio.

I cittadini potranno, nelle giornate di sabato e domenica, effettuare i tamponi rapidi, nelle strutture pubbliche messe a disposizione dalle Asl. Il pagamento della prestazione sarà effettuato attraverso il canale digitale PagoPa.

Il Presidente della Regione Piemonte e l’Assessore alla Sanità sottolineano che «la campagna vaccinale continua a rappresentare la priorità e su questo non si indietreggia di un passo. Ma, alla luce del rischio di attese sulla richiesta di tamponi per l’entrata in vigore dell’obbligo del green pass lavorativo, siamo intervenuti potenziando sia la possibilità di offerta da parte delle farmacie che attraverso gli hotspot delle Asl. Naturalmente parliamo di tamponi rapidi a pagamento, per sostenere il sistema territoriale in questi primi giorni di assestamento».

L’elenco degli hotspot e gli orari di accesso saranno disponibili da domani (15 ottobre) sul sito della Regione Piemonte.

Leggi anche:

Obbligo di Green pass e trasporti: possibili disagi in vista, 7 treni sospesi nel novarese

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *