Sfonda il portone del Comune: sui social i video dello sfogo prima del gesto

Poco prima di entrare in azione ha scritto: «Qualsiasi cosa farò dico ai miei figli che devono andare a testa alta»

Sfonda il portone del Comune: sui social i video dello sfogo prima del gesto. L’uomo ha trascorso la mattinata di sabato 31 agosto vagando in auto e trasmettendo una serie di dirette social in cui ha sfogato la propria rabbia. Ad agitare il suo animo è stata una condanna per maltrattamenti nei confronti dell’ex compagna, recentemente inflittagli, a suo dire ingiustamente. E prima di scagliarsi contro il portone di Palazzo Cabrino, con la Citroen C3 della madre, ha scritto queste parole: «Qualsiasi cosa farò dico ai miei figli che devono andare a testa alta perché non ho fatto niente e l’unico modo è ribellarsi al sistema».

Subito dopo aver travolto il portone in legno e le porte automatiche è sceso dall’auto e si è cosparso di benzina. Uno degli agenti in servizio nella vicina Prefettura ha dato l’allarme e sul posto si sono precipitati immediatamente diversi poliziotti della Questura, che attraverso la mediazione sono riusciti a farlo salire su una volante senza che l’episodio avesse altre conseguenze. Portato in ospedale per accertamenti, l’uomo è stato posto in stato d’arresto con l’accusa di danneggiamento aggravato in flagranza. E’ tuttora ricoverato e per domani (martedì 3 agosto) è prevista l’udienza di convalida dell’arresto.

Il Comune resta comunque aperto al pubblico, ma da sabato l’ingresso è transennato e piantonato da una pattuglia, in attesa che il portone sia sistemato.

Fra le rivendicazioni avanzate dall’uomo anche una “vecchia” questione: la mancata apertura di un’attività commerciale, sfumata in seguito a una trattativa privata. Vicenda per cui il sindaco Alessandro Canelli lo aveva già ricevuto prima della pandemia, come ha spiegato poco dopo l’episodio di sabato (leggi qui).

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Ferrara

Elena Ferrara

Nata a Novara, diplomata al liceo scientifico Antonelli, si è poi laureata in Scienze della Comunicazione multimediale all'Università degli studi di Torino. Iscritta all'albo dei giornalisti pubblicisti dal 2006.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL