Rapina alla farmacia Beltrami, direttissima per il giovane che si era finto minorenne

Lo scorso 7 maggio, per evitare l’arresto, aveva anche detto di essere minorenne, così come il complice. Ma gli accertamenti condotti in ospedale hanno poi dimostrato che il giovane ha un’età di 19 anni. Era entrato nella farmacia Beltrami di corso della Vittoria a Novara forzando un ingresso e cercando di scappare con un cellulare e i soldi ancora presenti in cassa, per essere subito fermato dalla polizia.

Processato per direttissima, A.H., marocchino da pochi mesi in Italia, con vari alias, è stato condannato a 8 mesi di reclusione e 60 euro di multa per tentato furto aggravato. Per lo stesso reato era stato denunciato a piede libero un connazionale minorenne che sarà giudicato al tribunale per i minorenni di Torino.

La sera dei fatti, scattato l’allarme, i poliziotti hanno sorpreso uno dei due ladri ancora all’interno della farmacia, travisato in volto. Il proprietario dell’esercizio, arrivato nel frattempo, ha aperto la porta principale facendo entrare gli agenti, che hanno bloccato il diciannovenne mentre si nascondeva in bagno e cercava di scappare dopo aver frantumato una finestra sul retro. Il secondo ladro si era invece allontanato a piedi verso il centro. Grazie a una segnalazione le Volanti lo hanno raggiunto in piazza Garibaldi, vicino alla stazione ferroviaria. Pur di non essere identificato il giovane ha anche fornito false generalità.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL