«Notte di Natale, le Messe consentano il rientro per le 22»

Messe della Notte di Natale celebrate in orari tali da consentire il rientro a casa per l’inizio del “coprifuoco”. Sono queste le disposizioni della Diocesi di Novara per tutte le parrocchie, a seguito del Dpcm ministeriale e del comunicato finale dell’ultimo Consiglio permanente della Cei.

«Sarà necessario che nelle nostre comunità vengano riprogrammati gli orari delle Messe della Notte per la Solennità del Natale – scrive il vicario generale mons. Fausto Cossalter in una lettera ai parroci – per consentire ai fedeli di partecipare con tranquillità e di fare rientro nelle proprie case entro l’orario stabilito delle 22. Ciascun parroco deciderà quindi l’orario delle messe in base alle esigenze pastorali della sua/sue comunità e alle possibilità organizzative».

Il vicario al riguardo ricorda che fino al 6 gennaio vale il «divieto di spostamento dalla propria abitazione dalle 22 alle 5 del giorno successivo»

 

 

Inoltre «anche se le condizioni della diffusione dei contagi dovessero far rientrare la nostra regione nella “zona gialla”, nelle giornate del 25, del 26 dicembre e del 1° gennaio sarà vietato ogni spostamento tra comuni, fatte salve “comprovate esigenze lavorative”, “situazioni di necessità” e “motivi di salute”». Nel rispetto di tali disposizioni «per i sacerdoti sarà possibile spostarsi tra comuni per necessità legate al proprio ministero, fornendo in caso di controlli un’autocertificazione che attesti i motivi reali dello spostamento».

Mons. Cossalter annota come «per le celebrazioni, i due provvedimenti del Governo non aggiungono altre prescrizioni a quelle che sono già in vigore dalla scorsa primavera. Le celebrazioni potranno svolgersi, quindi, con le modalità divenute consuete in questi mesi, osservando scrupolosamente le norme vigenti, evitando possibilità di assembramenti».

Da un punto di vista liturgico sottolinea infine come l’invito a «valorizzare “la ricchezza della liturgia per il Natale che offre diverse possibilità: Messa vespertina nella vigilia, nella notte, dell’aurora e del giorno” ci è fatto anche dai nostri vescovi».

In diverse parrocchie della città, al fine di consentire ampia partecipazione di fedeli senza assembramenti in chiesa, ci si sta orientando su due celebrazioni per la tarda serata del 24 dicembre: una in orario vespertino, come le 18 o 18,30, ed una successiva come le 20 o 20,30.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Antonio Maio

Antonio Maio

Nato a Lecco il 26 febbraio 1957, vive a Novara dal 1966. È sposato e ha un figlio. Iscritto all'ordine dei giornalisti il 30 aprile 1986 ha svolto la professione quasi esclusivamente ai nove settimanali della Diocesi di Novara fino a diventarne direttore nel settembre 2005, carica mantenuta fino a tutto il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni