Covid, a Novara aprile chiude rallentando il calo. I casi in tutti i comuni

Rallenta, e forse quasi frena nel capoluogo, la discesa dei casi di positivi al Covid nel Novarese, con l’incidenza in lieve risalita negli ultimi giorni. Ed anche i dati dagli ospedali migliorano ma con numeri ancora instabili. Comunque il mese di aprile si è chiuso con numeri positivi e maggio si apre con le proiezioni Agenas che indicano una possibile discesa sotto i mille contagiati già nella prossima settimana.

Intanto venerdì 30 aprile in Provincia di Novara si sono registrati 69 nuovi casi positivi (meno dei due giorni precedenti, ma più del resto dell’ultima settimana e l’incidenza (casi di 7 giorni su 100mila abitanti) si fissa a 129 (ieri 130) come martedì e domenica, sostanzialmente stabile a una quota maggiore del fine settimana precedente (il 23 aprile era 117).

Piccoli passi avanti sugli attualmente positivi (ieri 1.013 in Provincia, il giorno prima 1.044), ma la diminuzione è attribuibile soprattutto all’area Nord, che per la prima volta quest’anno è tornata ad avere un tasso di infetti su abitanti inferiore all’area Sud del Novarese.

OSPEDALI, CONTINUANO I NUOVI RICOVERI

Il sindaco Alessandro Canelli, nella sua diretta di ieri pomeriggio (leggi qui), ha anticipato il dato dei 95 ricoveri nei due ospedali della Provincia, da tre giorni sotto quota 100, e degli 11 nuovi ricoveri al Maggiore. Nel dettaglio si tratta di 77 ricoveri al Maggiore (2 più di giovedì e 5 più di mercoledì) e per trovare un numero inferiore si deve andare all’11 marzo. Di questi 8 (+1 su giovedì 29) sono in terapia intensiva e nuovamente solo nella prima decade di marzo si trovano numeri inferiori.

Un calo, in queste settimane, attribuibile anche dall’aumentato numero di dimissioni e trasferimenti ad altra struttura. I nuovi ricoveri giovedì erano 10 e nell’ultima settimana sono stati ancora 40 continuando a rappresentare un’entità che negli ultimi mesi non può essere sottovalutata e che, solo ora, mostra un andamento tendenziale in flessione.

In diminuzione, fortunatamente, anche il numero dei decessi, 27 nell’ultima settimana a fronte dei 32 di quella precedente e dei 34 di quella ancora prima, ma superiore ai 19 dell’inizio di aprile.

In calo più sostanzioso sono invece i ricoverati all’ospedale di Borgomanero, a testimonianza del fatto che nell’alta provincia il numero dei positivi è in fortissima discesa. Il 30 aprile al SS. Trinità 18 ricoverati (di cui solo 4 in terapia intensiva) a fronte dei 19 di giovedì e 24 di mercoledì e da dieci giorni non si superano i 25 pazienti Covid, con i decessi mediamente meno di 1 al giorno (venerdì 30 nessuno ed anche nessun nuovo ricovero).

La situazione ospedaliera è comunque in miglioramento anche nell’intera regione, anche se il Piemonte resta quella con il maggior numero di ricoverati rispetto alla popolazione (53,8 ogni 100mila abitanti, in Italia 36,1) e resta fra le sei con il tasso di occupazione dei posti letto in terapia intensiva sopra la soglia critica del 30%. In ogni caso gli ospedalizzati per Covid in Piemonte il 30 aprile sono scesi a 2.321 (69 meno di giovedì) di cui 210 in terapia intensiva (-10 sul giorno prima).

CALO CONTAGI, PROVINCIA A DUE VELOCITA’: BENE IL NORD

È sul fronte delle persone attualmente positive che la Provincia si ritrova a due velocità, segnate dal sorpasso avvenuto mercoledì dell’area del capoluogo e Bassa rispetto al Borgomanerese-Aronese nel tasso di positività rispetto agli abitanti.

Vediamo i numeri: in Provincia di Novara, venerdì 30 aprile, sono registrati 1.013 attualmente positivi, ovvero 2,78 ogni mille abitanti. Un calo significativo su giovedì (-31), su venerdì scorso (-231 e su 15 giorni fa (-596, cioè il -37%). Tuttavia nel Sud Provincia i casi sono 630 (-3 su giovedì e il 26,7% in meno di 15 giorni fa) ovvero 2,85 contagiati ogni mille abitanti, mentre nel Nord Provincia gli attualmente positivi sono 383 (25 meno di giovedì 29 aprile e 367 meno di venerdì 16, con un calo del 49%), cioè 2,66 ogni mille abitanti.

Il grafico chiarisce bene questi andamenti anche sulle città principali. Castelletto Ticino resta quella con maggiore tasso di positivi per mille abitanti (3,49) ma subito dopo c’è Novara (3,40) che vede 351 positivi, come il giorno prima, più dei 348 di mercoledì e solo il -6% su una settimana fa. Seguono, per tasso di positività, Trecate (66 casi, 3,21), Cerano (21 casi, 3,14), Romentino (16 casi, 2,90) e Galliate (45 casi, 2,89) e poi si guarda al Nord: Borgomanero con 61 casi e tasso 2,87 contro i 143 casi e tasso 6,72 di venerdì 16 (calo del -57%) e Arona con 33 casi e tasso 2,39 contro i 75 casi e tasso 5,44 di 15 giorni fa (calo -56%).

Tra i centri minori i maggiori tassi di persone positive si registrano a Comignago (1,3% della popolazione), Bogogno (1,1%) e poi Prato Sesia (6,44 su mille abitanti), Pisano (6,14) e Pombia (6,13).

I comuni “Covid free” il 30 aprile sono saliti a 19, tre in più di giovedì 29, e sono: Ameno, Biandrate, Briona, Casalbeltrame, Casaleggio Novara, Casalvolone, Castellazzo Novarese, Cavaglietto, Cavallirio, Landiona, Massino Visconti, Mezzomerico, Miasino, Recetto, San Nazzaro Sesia, Sillavengo, Sozzago, Terdobbiate, Vinzaglio.

Di seguito il quadro degli attualmente positivi in tutti i Comuni nella Provincia: in prima colonna i casi a venerdì 30 aprile e in seconda colonna il relativo tasso su mille abitanti; in terza colonna i positivi a giovedì 29 aprile e, in quarta, quelli di venerdì 16 aprile.

 

30 apr 29 apr 16 apr
Agrate Conturbia 8 5,118 8 6
Ameno 0 0,000 0 4
Armeno 4 1,856 4 7
Arona 33 2,393 38 75
Barengo 2 2,639 2 6
Bellinzago N. 26 2,733 27 30
Biandrate 0 0,000 0 0
Boca 4 3,524 4 4
Bogogno 14 11,058 15 13
Bolzano N. 1 0,859 1 1
Borgo Ticino 14 2,705 11 21
Borgolavezzaro 9 4,518 10 9
Borgomanero 61 2,867 72 143
Briga N. 5 1,788 4 13
Briona 0 0,000 0 3
Caltignaga 4 1,619 4 5
Cameri 22 2,035 24 33
Carpignano Sesia 3 1,200 2 8
Casalbeltrame 0 0,000 0 1
Casaleggio N. 0 0,000 0 0
Casalino 3 2,004 3 7
Casalvolone 0 0,000 0 0
Castellazzo N. 0 0,000 0 0
Castelletto Ticino 34 3,489 37 34
Cavaglietto 0 0,000 0 3
Cavaglio d’Agogna 3 2,560 4 8
Cavallirio 0 0,000 0 4
Cerano 21 3,138 20 51
Colazza 1 2,146 1 2
Comignago 16 12,882 16 24
Cressa 3 1,876 3 1
Cureggio 8 3,097 11 35
Divignano 6 4,348 6 2
Dormelletto 3 1,187 3 6
Fara Novarese 4 1,982 4 3
Fontaneto d’Agogna 14 5,364 14 17
Galliate 45 2,891 44 62
Garbagna N. 2 1,404 2 0
Gargallo 2 1,139 1 18
Gattico-Veruno 10 1,932 11 27
Ghemme 3 0,872 3 12
Gozzano 8 1,450 8 33
Granozzo con Mont. 5 3,731 4 6
Grignasco 20 4,582 20 17
Invorio 4 0,929 5 19
Landiona 0 0,000 1 1
Lesa 5 2,284 5 10
Maggiora 1 0,613 1 4
Mandello Vitta 1 4,505 1 1
Marano Ticino 4 2,469 5 8
Massino Visconti 0 0,000 0 0
Meina 9 3,710 9 8
Mezzomerico 0 0,000 1 1
Miasino 0 0,000 0 2
Momo 8 3,245 6 5
Nebbiuno 10 5,583 12 8
Nibbiola 2 2,445 2 8
Novara 351 3,398 351 408
Oleggio 22 1,554 23 38
Oleggio Castello 4 1,847 5 13
Orta San Giulio 3 2,259 1 1
Paruzzaro 9 4,174 9 23
Pella 2 2,165 2 2
Pettenasco 1 0,744 1 1
Pisano 5 6,143 1 1
Pogno 2 1,458 2 9
Pombia 13 6,132 15 7
Prato Sesia 12 6,441 12 19
Recetto 0 0,000 0 1
Romagnano Sesia 5 1,297 5 16
Romentino 16 2,905 17 18
S. Maurizio d’Op. 11 3,646 12 24
S. Nazzaro Sesia 0 0,000 0 2
S. Pietro Mosezzo 2 1,058 2 9
Sillavengo 0 0,000 0 2
Sizzano 3 2,140 4 6
Soriso 1 1,342 1 4
Sozzago 0 0,000 0 2
Suno 1 0,364 2 8
Terdobbiate 0 0,000 0 0
Tornaco 4 4,362 4 0
Trecate 66 3,210 68 124
Vaprio d’Agogna 2 2,043 2 10
Varallo Pombia 4 0,818 5 22
Vespolate 8 3,982 8 4
Vicolungo 1 1,159 2 3
Vinzaglio 0 0,000 1 3

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Antonio Maio

Antonio Maio

Nato a Lecco il 26 febbraio 1957, vive a Novara dal 1966. È sposato e ha un figlio. Iscritto all'ordine dei giornalisti il 30 aprile 1986 ha svolto la professione quasi esclusivamente ai nove settimanali della Diocesi di Novara fino a diventarne direttore nel settembre 2005, carica mantenuta fino a tutto il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni