Prosegue il dibattito sull’IVG in Piemonte: «Fuori i pro vita dai consultori»

«Fuori i pro vita dai consultori». Lo diranno pubblicamente i collettivi Bruna – Gruppo Donne NovarArcobaleno, La Rêve per la Parità Intersezionale, le Femministe di Vercelli Antifascista e il Comitato Antifascista Novarese in un presidio, in programma domani, sabato 29 maggio dalle 16 in piazza Matteotti.

 

Prosegue dunque il dibattito sul bando regionale che vorrebbe favorire l’ingresso di associazioni pro-life nei consultori e negli ospedali piemontesi, di cui ci eravamo occupati nelle scorse settimane fornendo i dati aggiornati sulle interruzioni volontarie di gravidanza sul territorio novarese (leggi qui).

Organizzatrici e organizzatori del picchetto di domani chiedono: l’abolizione dell’obiezione di coscienza e la possibilità di accedere all’interruzione di gravidanza in modo sicuro, gratuito e in ogni struttura ospedaliera;

L’accesso gratuito alla contraccezione ed alle cure ginecologiche; l’educazione sessuale ed affettiva nelle scuole inclusiva e non eteronormata e binaria per una sessualità libera e consapevole; il potenziamento dei consultori tale da renderli accessibili, accoglienti e pubblici, che non si occupino solo di cura delle sintomatologie, ma siano davvero luoghi a nostra misura, aperti a tutte le età.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: