I bambini non vanno a scuola? Un progetto per l’educazione di strada

«Se i bambini non vanno a scuola allora dobbiamo rimediare con un progetto per l’educazione di strada». La proposta è arrivata quasi al termine della commissione consigliare di ieri sul tema dei vertici Atc dalla consigliera dem Milù Allegra: «Ammetto che l’idea mi sia venuta dalle parole del presidente Songa quando ha dichiarato alla stampa di voler verificare quali siano i bambini residenti nelle case di Atc che non vanno a scuola. Mi rendo che sia stata una boutade, considerato il fatto che non è nemmeno compito suo svolgere questi controlli, ma da un’infelice dichiarazioni ho voluto cogliere qualcosa di buono. Perchè, dunque, non pensare a un’iniziativa di inter assessorato tra Istruzione e Politiche Sociali su questo tema? Individuare progetti pluriennali anche di carattere preventivo nelle zone con particolari difficoltà educative e culturali attraverso un’educazione di strada portando la scuola nelle case».

 

[the_ad id=”62649″]

 

Un’idea che l’assessore alle Politiche Sociali, Franco Caressa, presente alla seduta, ha immediatamente raccolto con entusiasmo: «Questa proposta mi piace moltissimo. Ne parlerò con l’assessore all’Istruzione Valentina Graziosi e poi coinvolgerò anche lei consigliera nella programmazione: penso che tutte le volte in cui noi possiamo fare qualcosa in più, sia nostro dovere farlo».

A margine della commissione, Allegra ha spiegato che «è una proposta a cui tengo e se il progetto dovesse andare in porto dovranno essere messi a disposizioni fondi importanti. Non è, infatti, un’iniziativa di cui può occuparsi il personale del Comune, ma animatori ed educatori qualificati. In alcuni Comuni, ad esempio quello di Sesto Calende a cui aderiscono una decina di altri limitrofi, un progetto di questo genere è già attivo e funziona bene».

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Una risposta

  1. E’ compito dei dirigenti scolastici agire in caso di assenza prolungate da scuola con i poteri e le prassi previste.I servizi comunali possono avere un ruolo ma dopo e in coordinamento con le direzioni scolastiche.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni