“ChimicAmica”, al via l’edizione 2020

Obiettivo: far appassionare i bambini alla chimica, soprattutto avvicinandoli a una materia tradizionalmente considerata ostica, con una serie di attività pratiche e di laboratorio spesso considerate un “di più” complice certamente la scarsità di risorse e di strutture dedicate a questo scopo. L’iniziativa, ideata nel 2017 da Fondazione Novara Sviluppo e Consorzio Ibis, è giunta quest’anno alla quarta edizione e vedrà, a partire dal prossimo 4 febbraio, complessivamente impegnati 916 alunni provenienti da 42 classi di 12 scuole primarie di primo grado di Novara e provincia (Galliate, Romentino e Oleggio).

 

[the_ad id=”62649″]

 

«Il progetto piace perché è semplice – ha spiegato il presidente di Fns, Giovanni Rizzo – Si tratta di esperienze pratiche decisamente positive».

ChimicAmica nasce infatti in risposta alla necessità di trasmettere meglio la conoscenza scientifica e rendere le materie inerenti un argomento più affascinante; in un mondo dove i bambini sono più attratti da metodi digitali per l’apprendimento, i classici metodi di insegnamento possono rivelarsi inefficaci favorendo così il distacco tra studenti e discipline scientifiche.

«Continuiamo a crescere – ha aggiunto il professor Alberto Minassi, docente di Chimica organica al Dipartimento di Scienze del Farmaco dell’Upo – Facciamo la chimica che si può trovare in casa perché la scienza fa parte della vita quotidiana. Quest’anno il coinvolgimento del Dipartimento è maggiore perché sono impegnati anche docenti dell’area biologica. Crediamo nell’orientamento, perché, già a partire dalle elementari, può essere un supporto alle scelte future. Sostanzialmente è un investimento sul futuro».

Quattro i percorsi formativi: “Divertiamoci in tutti i sensi”, “Potere ai colori”, “Passaggi di stato ed elementi” e “Sveliamo il Dna”. I laboratori si tengono nella Sala Pagani del Parco Scientifico e Tecnologico.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Sezioni