Cantieri “over 58”, a Novara tre progetti per 44 persone in cerca di lavoro

Oltre alla Provincia, anche in città. Sono tre i progetti di Novara approvati che appartengono ai Cantieri di lavoro”over 58″ dedicati a quelle persone cui mancano davvero pochi mesi di contributi per maturare il diritto a percepire la pensione e, nello stesso tempo, favorire concretamente i Comuni che hanno un sempre più drammatico bisogno di personale.

Tre cantieri per un totale di 395.970,43 euro per la maggior parte finanziati dalla Regione appunto: per la precisione si tratta di 324.262,42 euro, i rimanenti 71.708,01 li metterà il Comune.  E saranno impiegate 44 persone: tra i vincoli c’è la residenza in Piemonte da almeno 12 mesi e il Comune darà priorità agli abitanti della città, aprendosi poi al resto della provincia nel caso dovessero avanzare posti. I candidati non dovranno avere requisiti pensionistici, dovranno essere disoccupati senza ammortizzatori sociali.

I progetti

Per il progetto “Peter pan” i posti sono 20: l’impegno consiste in riparazione ordinaria di giochi, degli arredi dei parchi pubblici, manutenzione e pulizia, anche con attrezzature dedicate, di monumenti e sedute, manutenzione dei ciottolati di strade e piazze, posa e manutenzione degli stalli e della segnaletica a supporto della mobilità sostenibile, manutenzione e pulizia delle scuole cittadine di competenza comunale. Altri 20 persone saranno impiegate nel progetto “Evergreen” che, come suggerisce il nome, riguarda il verde. Si tratta infatti di manutenzione ordinaria del verde pubblico, cura e  manutenzione del prato e del patrimonio arboreo ed arbustivo, pulizia e regimazione delle acque, fruibilità dei camminamenti e delle panchine. Infine 4 posti per il progetto “Paper stop”: le quattro persone si dedicheranno alla sistemazione di documenti cartacei depositati negli archivi del Comune di Novara, per digitalizzazione e/o conseguente smaltimento.

«Il finanziamento della Regione è quasi totale, le spese del Comune sono davvero minime, – spiega la dottoressa Spina. Siamo pronti a partire con il bando, stiamo soltanto aspettando il momento migliore data la situazione. Sono capitati anni in cui si sono presentate circa 500 persone, altri anni molte meno, in questo momento siamo attenti all’afflusso delle persone».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *