Ameno senza candidati sindaco. L’uscente Brambilla: «Grandi responsabilità anche nei piccoli Comuni»

Non si voterà alle prossime amministrative del 14 e 15 maggio

Ad Ameno le elezioni amministrative sono già finite. Nessuno si è candidato alla carica di sindaco, nemmeno il primo cittadino uscente. Nessun seggio e spoglio dunque il 14 e 15 maggio per il comune sopra il lago d’Orta che sarà dunque commissariato.

«Stiamo vivendo un periodo di allontanamento da parte dei cittadini nei confronti dell’amministrazione pubblica – dichiara il sindaco uscente, Noemi Brambilla in carica dal 2018 che ha scelto di non ricandidarsi per impegni di lavoro. Un legittimo timore di sobbarcarsi un carico troppo grosso per piccole realtà come quella di Ameno. Spero che la situazione del “mio” Comune sia un caso isolato e che non coinvolga altri del nostro territorio che l’anno prossimo, per la maggior parte, si troveranno a dover eleggere i nuovi sindaci e consiglieri. Vero è che stiamo attraversando tutti un periodo di grande incertezza e le piccole realtà ne hanno pagato senza dubbio il dazio, ma rimango con un atteggiamento positivo e sono certa che si presenteranno nuove liste coraggiose che si assumeranno le grandi responsabilità che ormai anche i piccoli Comuni si devono assumere».

Sulle “elezioni mancate” di Ameno il sindaco conclude: «La notizia che non si è candidata alcuna lista ha sicuramente dato una scossa ai cittadini: c’è movimento e una buona dose di apprensione che senza dubbio servirà come incentivo per il futuro».

Leggi anche

Elezioni 2023: si vota a Boca, Landiona e Miasino. Nessun candidato ad Ameno

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2024 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni

Ameno senza candidati sindaco. L’uscente Brambilla: «Grandi responsabilità anche nei piccoli Comuni»