Trecate, al cimitero spariscono ceri e piantine da tombe e aiuole

Raggiungere la tomba di un proprio caro e vedere che manca il cero acceso da poco; posizionare alcune piantine nelle aiuole vicino alle tombe così da abbellire quello spazio e trovare qualche giorno dopo i buchi nel terriccio e quelle piantine scomparse.

E’ quanto succede al cimitero di Trecate, una situazione che purtroppo non rappresenta una novità e che si è verificata in diverse zone, sia quelle più centrali e “visibili”, sia quelle più periferiche. Capitano sulle tombe più grandi dove si possono accendere più ceri, capita dove sono posizionati i loculi e lo spazio è così minimo da poter far bruciare soltanto una luce. E le aiuole non riguardo un defunto in particolare: sono spazi comuni dove ci sono piante verdi, ma qualcuno ha piantumato semi, ha magari trapiantato fiori tolti dalla tomba ma ancora belli e che possono crescere nella terra.

«Abbiamo avvisato il custode che ci ha detto che sono episodi che comunque si verificano, – dicono alcuni cittadini – è un gesto che è difficile da commentare». Qualcuno, lungo quelle aiuole, ha anche affisso dei cartelli con la richiesta esplicita di non strappare più nulla.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni