Novara per la prima volta al Carnevale di Viareggio

Re Biscottino e la Cunetta accolti da Burlamacco e Ondina. Con loro anche Miss Italia

Per la prima volta nella storia del carnevale novarese, la corte di Re Biscottino e della Regina Cunetta ha partecipato al carnevale di Viareggio, una delle manifestazioni folcloristiche più importanti e partecipate d’Italia. «Siamo felici e orgogliosi di coronare un sogno al quale lavoravamo da tempo – hanno raccontato Renato e Giusy Sardo – siamo stati accolti con grande affetto e calore, ospiti di un evento grandioso che ha saputo regalare divertimento nonostante le restrizioni imposte dal Covid». 

A salutare i rappresentanti del carnevale novarese, accolti dalle maschere del luogo Burlamacco e Ondina, anche il presidente del Consiglio regionale della Toscana, Antonio Mazzeo, che ha incontrato Re Biscottino e la Regina Cunetta durante una conferenza stampa che si è svolta nel Palazzo delle Muse di Viareggio. Nel corso dell’evento, i reali novaresi sono stati presentati ufficialmente alla stampa dalla presidente della fondazione che organizza il carnevale. Quest’anno, sul lungomare di Viareggio, circa 40 mila persone hanno accompagnato la sfilata dei carri allegorici più grandi d’Italia. Testimonial dell’iniziativa Miss Italia in carica, Zeudi di Palma: la ragazza di Scampia ha incontrato le maschere del Carnevale novarese facendosi immortalare accanto a Re Biscottino e la Regina Cunetta. 

«Siamo onorati di aver rappresentato Novara e il Piemonte, sfilando con i colori della bandiera della pace in uno dei carnevali più belli ed importanti d’Europa e del mondo. Per colpa del covid non abbiamo pootuto festeggiare a febbraio, ma contiamo di poter ricambiare l’ospitalità viareggina con un invito ufficiale alle manifestazioni che organizzeremo in estate per celebrare i 150 anni della nascita di Re Biscottino», hanno concluso Giusy e Renato Sardo.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Redazione

Redazione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL