Attualità Tempo libero

In cima alla Cupola fino a 98,5 metri. Pubblicato il bando per riqualificazione del monumento antonelliano

Entro la fine dell'anno il monumento simbolo della città sarà fruibile fino alla massima altezza. Nei locali della biglietteria i visitatori potranno simulare i passaggi chiave del percorso

In cima alla Cupola fino a 98,5 metri. Pubblicato il bando per riqualificazione del monumento antonelliano. Lo avevamo annunciato nel mese di marzo del 2019 e poi ancora a ottobre dopo l’annuncio ufficiale del sindaco Alessandro Canelli durante una commissione consiliare (leggi qui): entro la fine dell’anno il monumento simbolo della città sarà fruibile fino alla massima altezza di 98,5 metri grazie a un project financing da 190 mila euro che era stato presentato dall’impresa culturale Kalatà, società che si occupa di questo tipo di attività già avviate in altri siti italiani come il santuario di Vicoforte, il Sacro Monte di Varallo e la basilica di Santa Maria delle Vigne a Genova.

Ieri è stato pubblicato il bando per l’individuazione di un soggetto che si occupi della valorizzazione culturale e turistica della Cupola. Il progetto prevede un percorso in piccoli gruppi, massimo 15 persone, accompagnati da personale specializzato sia per quanto riguarda i contenuti storico artistici connessi al bene che gli aspetti organizzativi, logistici e di sicurezza. La visita avrà una durata di circa 1 ora e 45 minuti.

 

 

Due tipologie di percorso: quello completo arriva all’affaccio esterno a quota 98,5 metri e prevede l’utilizzo di specifici dispositivi di sicurezza individuale e collettiva, è riservato a persone di età superiore a 14 anni e richiede un discreto impegno fisico, che dovrà essere soggettivamente valutato. Un percorso sconsigliato a chi soffre di claustrofobia, a visitatori affetti da disabilità motorie o da patologie cardiocircolatorie. Il percorso breve, invece, arriva all’affaccio interno alla basilica a quota 53 metri, non prevede l’utilizzo di disposizioni di sicurezza individuale, è accessibile anche da parte di persone di età inferiore a 14 anni e prevede un impegno fisico minore.

Nei locali della biglietteria, allestiti alla base del percorso, i visitatori potranno simulare i passaggi chiave del percorso e ricevere informazioni dettagliate in merito alla diversa natura delle proposte, allo scopo di consentire in ogni caso una scelta consona alle condizioni e alle attitudini individuali.

Importanti i numeri che i tecnici di Kalatà avevano stimato: in 5 anni si attendono 100 mila visitatori, circa 20 mila all’anno, ora sono 6.500. Di questi 100 mila, il 35% proveniente da fuori Piemonte, il 7% dall’estero, il 20% dai 18 ai 35 anni.

La somma oraria di visita passerà da 17 a 42 settimanali; attualmente la Cupola è visitabile quattro giorni e con la guida solo su richiesta. A progetto attivato, si potrà salire dal martedì alla domenica con orari più serrati e con un percorso di guida accompagnato da personale preparato e specializzato: il percorso fino a 98,5 metri, che prevede protezioni di sicurezza, potrà essere eseguito in gruppi da 15 persone e solo da persone over 14 in buono stato di salute (da martedì a venerdì ore 11, 14, 16; sabato e domenica ore 9.30, 11, 11.30, 14, 14.30, 16, 16.30) con un biglietto da 15 a 10 euro; il percorso breve, fino a 50 metri, si potrà eseguire in gruppi da 25 persone e non prevede protezioni di sicurezza (da martedì a venerdì ore 11.30, 12.30, 16.30; sabato e domenica 10, 12, 15, 17) con un biglietto da 5 a 8 euro.

Il termine ultimo per l’invio delle domande è il 31 agosto 2020.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Consigliati