Volley: piegata in tre set anche la Bulgaria. Per l’Italia è la settima vittoria consecutiva

Prova di forza delle azzurre, già qualificate per l'atto conclusivo della Nations league, anche di fronte alle padrone di casa. Oggi pomeriggio contro la Thailandia ultimo match della fase preliminare

Settima vittoria consecutiva per l’Italia nel terzo e penultimo appuntamento dell’ultimo atto preliminare della Nations league prima della Final 8 di Ankara alla quale le ragazze di Davide Mazzanti hanno ottenuto la qualificazione grazie al precedente successo contro la Corea del Sud. Con un’autentica prova di forza le azzurre, alla Armeec Arena di Sofia, si sono sbarazzate in tre set (25-12, 25-19 e 25-21 i parziali) delle padrone di casa bulgare (nella foto della Federvolley) e ora guardano con sempre più fiducia all’appuntamento in terra turca in programma dal 13 al 17 luglio, non prima di aver regolato i conti nel match contro la Thailandia. Poi bisognerà gettare uno sguardo a smartphone e tablet per conoscere, in base ai risultati delle rivali, quale sarà la prossima avversaria nella manifestazione.


Per la gara con la Bulgaria coach Mazzanti concede un turno di riposo a Egonu e Sylla, schierando al centro il duo “novarese” Chirichella – Danesi, Pietrini in banda (esordio stagionale per la giocatrice di Scandicci) e De Gennaro come libero. L’avvio delle padrone di casa soprende le italiane, poi un importante break consente alle azzurre di portare a casa il primo set. Quasi analoga la situazione nel secondo parziale, mentre nel terzo la Bulgaria è riuscita a rimanere “attaccata” sino al 12-11, poi Gennari, Danesi e Nwakalor hanno piazzato l’allungo decisivo, controllando la situazione sino al conclusivo 25-21. Per quanto riguarda infine lo score, al top Pietrini con 19 punti. Del plotoncino novarese non è stata utilizzata Bonifacio (oltre a Fersino), Danesi ha messo a terra 10 palloni e Chirichella 8.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL