Novara, contro il Renate serve un successo

Nonostante tutto, si gioca: il Novara continua a pagare pegno al Covid (dopo i sei casi già emersi in squadra, oggi ne sono stati rilevati altri due a un calciatore e a un membro dello staff, entrambi in buone condizioni di salute e già isolati) ma domani andrà regolarmente in campo per sfidare il Renate alle 17.30, con tre ore di ritardo rispetto all’orario inizialmente previsto.

Una vigilia movimentata, dunque, a complicare ulteriormente l’avvicinamento a un match che per gli azzurri mette in palio una posta altissima: prolungare a cinque il numero di partite consecutive senza vittorie rischierebbe, infatti, di compromettere seriamente e con ampio anticipol a corsa promozione.

Abbiamo analizzato a lungo la partita con il Lecco – spiega il tecnico Marcolini – perché vogliamo che non si ripeta più una prestazione del genere. Dobbiamo migliorare se vogliamo essere ambiziosi. In questo momento è normale avvertire maggiore pressione, però dobbiamo dimostrare il nostro valore affrontando ogni partita come se fosse decisiva“. Anche perché a questo punto, a tutti gli effetti, lo è.

La probabile formaione:
NOVARA (3-5-2): 2 Lanni; 4 Sbraga, 14 Migliorini, 5 Bove; 20 Lamanna, 23 Bianchi, 10 Buzzegoli, 7 Firenze, 24 Piscitella; 9 Lanini, 17 Zigoni. A disp: Desjardins, Spada, Pogliano, Colombini, Bellich, Natalucci, Mbaye, Collodel, Cisco, Tordini, Rusconi. All. Marcolini

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Giuseppe Maddaluno

Giuseppe Maddaluno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni