L’Olbia rimonta tre volte il Novara: si complica la corsa playoff

Il Novara si fa rimontare tre volte a Olbia e vede complicarsi, complici i risultati degli altri campi, la corsa playoff. Gli azzurri hanno ora due punti di ritardo sul decimo posto, l’ultimo utile per partecipare agli spareggi promozione, a una sola giornata dal termine. L’unica buona notizia, in tal senso, è che al Piola domenica prossima arriverà il Como dei tanti ex (il tecnico Gattuso e il d.s. Ludi) già matematicamente promosso in serie B dopo il successo per 2-1 nello scontro al vertice con l’Alessandria.

Fatto sta che il Novara può recriminare abbondantemente per l’occasione persa, perché a Olbia gli azzurri passano in vantaggio dopo appena 6’ grazie a un bel gol dalla distanza di Collodel, ben servito da Panico. Meglio i padroni di casa, con Ragatzu che si vede annullare per fuorigioco il pari al 15’, ma il Novara tiene bene il campo e addirittura sfiora due volte il pareggio tra 33’ (gran tiro di Collodel dalla distanza) e 34’ (colpo di testa di Bellich fuori di poco). A rovinare i piani è ancora Ragatzu, bravo a trovare l’incrocio con un gran tiro al termine di un’azione d’angolo, ma la partita si mette nuovamente in discesa per il Novara in pieno recupero: cross di Buzzegoli e colpo di testa imparabile dell’attaccante azzurro per l’1-2 giusto in tempo prima del duplice fischio dell’arbitro.

In avvio di ripresa, al 7’, il Novara sfiora il colpo del k.o., con la traversa che nega un gran gol a Panico e poco dopo, al quarto d’ora, l’Olbia raddrizza nuovamente il match: stavolta è Biancu a pescare il gran tiro che sorprende Lanni e riporta il punteggio in parità, sul 2-2. Meno di due minuti dopo, però, il Novara passa ancora: incornata di Rossetti, autore di una doppietta, su assist di Zunno e Tornaghi battuto per il 2-3. Banchieri rivoluziona il Novara e la mossa (poco convincente, così come la scelta di partire con Lanini in panchina) non paga. Nell’ultimo quarto d’ora l’Olbia prende campo mentre i neo entrati Hrkac, Ivanov e Moreo non riescono a prendere il dovuto ritmo e solo la mira imprecisa di Biancu e poi un grande intervento di Lanni su Udoh tengono gli azzurri in vantaggio. Fino a 10’ dalla fine, quando Belloni raccoglie un pallone vagante (con un sospetto tocco di braccio di Ragatzu a viziare gli sviluppi dell’azione) e lo scaglia alle spalle di Lanni dall’interno dell’area. Il Novara non c’è più: Lanni compie un miracolo sulla girata di Ragatzu e il resto lo fa il poco tempo a disposizione, che permette al Novara di mantenere almeno il pari. Non abbastanza, con ogni probabilità, per conquistare i playoff.

Il tabellino
OLBIA – NOVARA 3-3
MARCATORI 6’pt Collodel (N), 40’pt Ragatzu (O), 47’pt Rossetti (N); 15’st Biancu (O), 16’st Rossetti (N), 35’st Belloni (O).
OLBIA Tornaghi, Lella (11’st Udoh), Giandonato (11’st Ladinetti; 30’st Belloni), Pennington, Altare, Cadili, Cocco, Biancu, Arboleda (1’st Demarcus), Emerson, Ragatzu. A disp. Doratiotto, Marigosu, Occhioni, Secci, Putzu, Gagliano, Cabras. All. Canzi.
NOVARA Lanni, Pogliano, Corsinelli, Buzzegoli (17’st Hrkac), Panico (22’st Lanini), Collodel, Zunno (30’st Ivanov), Bellich, Rossetti (30’st Moreo), Colombini, Malotti. A disp. Spada, Desjardins, Gonzalez, Lamanna, Pagani, Piscitella, Pellegrini, Bortoletti. All. Banchieri.
ARBITRO Zamagni di Cesena

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: