«La Regina degli scacchi? Incuriosisce ed evidenzia molti valori della disciplina»

Stella di bronzo: è questo l’importante riconoscimento che il Coni ha conferito proprio poche settimane fa alla Società dilettantistica scacchistica novarese. Nata nel 1923, la società è cresciuta nel tempo diffondendo il gioco degli scacchi soprattutto fra i bambini. «Non me l’aspettavo, – dice orgogliosa la presidente Filomena Sacchitelli – siamo tante società di questo genere e a volte gli scacchi non sono sono considerati disciplina sportiva».

La vostra è una storia lunga…
«Sì, che inizia nel 1923 e io ho ereditato la presidenza circa 9 anni fa. Abbiamo cambiato varie sedi, ora da un po’ siamo stabili in via Perazzi in uno spazio comunale affittato e questo è stato molto importante per poterci allargare e strutturare meglio. Siamo tanti, soprattutto giovani, circa 70 Under 18 grazie anche all’impegno che ci vede presenti nelle scuole, nell’Ovest Ticino e anche ad Arona. Ma ci sono anche giocatori storici, come per esempio il signor Italo, 86 anni e 40 anni di gioco degli scacchi alle spalle».

Cosa evidenziare nel vostro palmares?
«La nostra prima squadra nel 2018 ha vinto il campionato italiano a squadre di serie A1 e nel 2019 ha preso parte per la prima volta nella sua storia nella massima serie del campionato italiano a squadre Fsi, la serie Master, raggiunta con cinque promozioni negli ultimi sette anni. E’ stato un lungo percorso, contro formazioni ben esperte e che purtroppo è stato interrotto a causa del Covid. Abbiamo anche una formazione femminile che nel 2018 è diventata Campione Regionale Assoluta, dopo aver ottenuto in precedenza diversi titoli nelle categorie giovanili. Teniamo tanto alla scuola, come detto prima, con quelle di Vienna, Colonia, Venezia e Novara appunto di solito organizziamo un torneo scolastico internazionale ed è una bella occasione per tutti».

Come si spiega alle persone che gli scacchi sono disciplina sportiva?
«I ragazzi lo sanno, il fatto è che spesso di fronte agli scacchi o al calcio o volley prevale il desiderio di fare qualcosa di fisico, questo da un lato ci penalizza, però gli scacchi insegnano a ragionare e questo ai ragazzi piace. Partecipiamo agli Streetgames e tanti giovani vengono da noi chiedendo di fare una partita dicendo che hanno imparato a scuola proprio con noi, e ricordano tutto».

Ha e/o avete visto “La Regina degli scacchi”? Che cosa ne pensate?
«Alcune persone hanno telefonato per chiederci informazioni. A parte alcuni aspetti, come per esempio il fatto del bere o delle pastiglie, è una serie molto ben costruita, incuriosisce e racconta bene le mosse e le partite stesse. Trasmette anche messaggi importanti, ossia che nella gara di scacchi sei da solo, ma tutto dipende dalla tua preparazione e alle spalle c’è un grande lavoro di squadra di fatto».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni