“Problema” verde privato, Vespolate scrive a Binatti e a Cirio

«Pur sapendo quali problematiche ben più gravi si stanno affrontando, scrivo questa lettera per chiedere di vagliare una decisione in merito al “mondo” del verde». Inizia così uno scritto che Davide Molinari, sindaco di Vespolate e e presidente dell’Unione Terre d’Acque, ha inviato al presidente della regione Alberto Cirio e al presidente della Provincia Federico Binatti.

 

[the_ad id=”62649″]

 

Se da un lato è stato risolto il “problema” del verde pubblico perché si è potuti intervenire, dall’altro non lo è stato per i privati: «La maggior parte degli abitanti, 5mila in tutto pensando al territorio, vive in abitazioni unifamiliari con giardino, – ha scritto – dagli inizi di marzo le condizioni metereologiche miti e le belle giornate di sole hanno portato la primavera e i risultati si vedono: anche nelle ville nelle case di corte, nei condomini, supermercati, la crescita del verde la sta facendo da padrona. Non tutti possono tagliare il prato da soli e così si stanno creando piccole foreste e anzi ho avuto segnalazione di roditori in un giardino condominiale attualmente senza manutenzione. E anche per i privati che possono tagliare il prato c’è un problema, ossia il ritiro del verde stesse, che ha un costo».

Ecco quindi la richiesta di poter consentire alle realtà che se ne occupano di poter intervenire.

 

 

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni