Aib Bellinzago, una storia che dura da 40 anni

Ha soffiato le sue quaranta candeline qualche giorno fa, quando la Fase 2 si stava appena rendendo più concreta. 40 anni di storia per Aib Bellinzago, l’associazione di volontariato che opera sugli incendi boschivi con il corpo forestale dello stato. Ma non solo, Aib è attiva in diverse e numerose occasioni, come per esempio la gestione della situazione di emergenza Covid.

Associazione legata alla città, ma in generale a tutto il territorio novaresi, con interventi che si sono succeduti numerosi durante gli anni, «non saprei fare un conto» dice l’attuale guida Gianluca Ferrari. «Tutto è nato dalla volontà di circa cinque o sei bellinzaghesi che, fatto un corso antincendio, hanno voluto costituire un gruppo e alcuni di loro sono ancora in associazione, – dice Ferrari – io sono arrivato 20 anni fa circa e sono caposquadra da 8 e da poco sono anche vice ispettore regionale».

Aib ha operato tanto in questi lunghi mesi: a Cameri e a Bellinzago per la gestione del Coc con il Comune, sempre a Cameri per la gestione e distribuzione delle derrate alimentari, a Bellinzago con una raccolta fondi sempre a sostegno delle persone in difficoltà insieme all’associazione Avb.

Il gruppo oggi conta circa 50 iscritti, con un mix di età. Cosa fare per avvicinarsi a questo tipo di volontariato? «Non saprei rispondere dando la ricetta, – dice Ferrari – ciascuno di noi ha in sé lo spirito di voler fare del bene agli altri. Noi siamo una bella squadra perché siamo coesi. Ecco la coesione è la nostra forza».

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Elena Mittino

Elena Mittino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni