Insegnanti a domicilio, Allegra: «Sì ma con un preventivo piano di lavoro»

Insegnanti a domicilio, Allegra: «Sì ma con un preventivo piano di lavoro». Nella giornata di giovedì 5 marzo il sindaco di Novara, Alessandro Canelli, ha detto in diretta che avrebbe messo a disposizione degli studenti disabili insegnanti di sostegno a domicilio».

Una proposta subito apprezzata in diversi ambiti, ma che secondo Milù Allegra, esponente del Pd in consiglio comunale e, lei stessa, insegnante, meriterebbe alcuni riflessioni: «Il sindaco Canelli parla di insegnanti di sostegno spiega – ma forse intendeva educatori ed educatrici che si occupano dei bambini e bambine disabili. Buona intuizione, quella di mandare gli educatori a domicilo, peccato che prima di uscire con questo annuncio, si sarebbe dovuto fare un piano di fattibilità con la cooperativa che gestisce il servizio e con le rappresentanze dei lavoratori e delle lavoratrici».

 

[the_ad id=”62649″]

 

Allegra pone alcune domande: «Quali garanzie di sicurezza igienico sanitaria vengono garantite sia per gli utenti che per il personale educativo? Per quante ore il personale dovrebbe andare a domicilio? Chi organizza il servizio? Capisco l’emergenza ma prima di uscire con alcuni annunci, creando aspettative, bisognerebbe fare i passaggi dovuti e corretti».

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *