Canelli riconfermato con il 70%, prevista maggioranza di 23 seggi. Testa a testa Lega/Fdi. Ipotesi di consiglio

Passata la mezzanotte di lunedì i seggi ufficialmente scrutinati a Novara sono ancora 80 su 91 ma Alessandro Canelli riconfermato sindaco pur “scendendo” al 70% dei voti dallo squillante 72% dei primi dati, pensa già a come dovrà comporre la nuova giunta, visti i nuovi equlibri della sua coalizione molto giocata sul duopolio tra Lega e Fratelli d’Italia, che vede allargata la maggioranza prevedibilmente di 23 consiglieri.

Per Canelli neglio 80 seggi scrutinati hanno votato 24.466 elettori, il 70% esatto dei voti validi. Dietro a lui e ben distanziato – meno di un terzo di voti – è Nicola Fonzo (centrosinistra) scelto da 7.061 elettori (il 20,2%, quindi Mario Iacopino (Cinquestelle) con 2.248 (il 6,4%). Praticamente esclusi dall’entrare in consiglio comunale gli altri due candidati sindaco Sergio De Stasio di Azione  (841 voti, 2,4%) e Paolo Vanoli del Movimento Libertas (335 voti, lo 0,96%).

Le liste: in serata lo stretto testa a testa fra la Lega e Fratelli d’Italia si è un po’ allargato a favore del partito di Salvini: 7.668 voti (23,4%) contro i 7.546 (23,0%) della formazione di Meloni. Terza forza sale il Partito Democratico (5.881 voti, 17,9%) che negli ultimi scrutini sorpassa la vera sorpresa del voto novarese: la civica Forza Novara (5.661 voti, il 17,2% dopo essere stata inizialmente sopra il 20). Lotta aperta anche per il quinto posto con Forza Italia che sale al 5,6% (i voti sono 1.836) risorpassando il Movimento CinqueStelle fermo al 5,3% (1.750 voti). Buona la percentuale di Insieme per Novara (in cui vi è una componente di Italia Viva) che con il 3,1% (1.015 voti) si consolida sul filo del poter ottenere un consigliere. Infine Azione con Calenda (lista a sostegno di De Stasio) ha il 2,5%, la lista Novara in Comune (sostiene Iacopino) ha l’1% e il Movimento Libertas (per Vanoli) è anch’esso all’1%.

Di seguito un grafico che mostra una prima ipotesi non ufficiale di composizione del futuro consiglio comunale, basata sullo spoglio più aggiornato a 80 seggi su 91, in cui Canelli, in virtù del suo 70%, dovrebbe poter contare su una maggioranza di 23 consiglieri (8 per Lega e 8 FdI, 6 Forza Novara e 1 Forza Italia). In minoranza 6 seggi al Pd (tra cui quello di Fonzo), 1 a Insieme per Novara e 2 al Movimento CinqueStelle (tra cui quello di Iacopino).

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Antonio Maio

Antonio Maio

Nato a Lecco il 26 febbraio 1957, vive a Novara dal 1966. È sposato e ha un figlio. Iscritto all'ordine dei giornalisti il 30 aprile 1986 ha svolto la professione quasi esclusivamente ai nove settimanali della Diocesi di Novara fino a diventarne direttore nel settembre 2005, carica mantenuta fino a tutto il 2016.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni