Oleggio, al Crystal park nasce il “bosco della memoria”

«Un tassello in più per rafforzare la memoria». Sono queste le parole di nonna Amelia, mamma di Cristian Cecala, morto – insieme alla moglie Dawna e la figlia Crystal di 9 anni – il 14 agosto del 2018 nel crollo del ponte Morandi di Genova, dopo aver annunciato l’iniziativa di piantare un bosco proprio accanto al Crystal park situato in frazione Bedisco.

«Il progetto nasce da un’idea dell’associazione “Noi per voi” di Masone che si occupa di iniziative solidali di realtà colpite da tragedie e non solo – prosegue Amelia. Sono trascorsi quasi cinque anni dalla tragedia e abbiamo deciso di acquistare un pezzo di terreno adiacente al Crystal park dove piantumare 43 alberi: il numero delle vittima del crollo. La piantumazione avverrà a marzo, l’ente locale è già al lavoro per organizzare i lavori visto che, la nostra idea, ha trovato subito il consenso da parte del consiglio comunale per la cessione gratuita del terreno che abbiamo acquistato. Ora dobbiamo solo aspettare, aspettare e vedere crescere queste piante che dovranno ricordare a tutti l’importanza della memoria, della vita e dei ricordi di chi, purtroppo, non c’è più».

Leggi anche:

Oleggio, due alberi donati al Crystal park, la nonna: «Voglio solo che non si dimentichi»

Oleggio, una scultura per non dimenticare la piccola Crystal. Nonna Amelia: «È sempre qui con noi»

Ponte Morandi quattro anni dopo. Tra le vittime anche la famiglia Cecala di Oleggio

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2023 La Voce di Novara - Riproduzione Riservata
Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Paolo Pavone

Paolo Pavone

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Sezioni