Mi sento di spezzare una lancia anzi una forbice per la categoria dei parrucchieri, parrucchiere, barbieri e barbiere. Sembra che siano l’ultima categoria che potrà aprire e saranno soggetti a inevitabili restrizioni: non si sa se in base ai metri quadrati, non più di una cliente per volta o forse una cliente per dipendente o un mix di questi tre fattori.

In Oriente già prima si vedevano parrucchiere e barbieri lavorare con la mascherina ma non i clienti, oggi si parla di una mascherina che si dovrebbe attaccare alla faccia per evitare i lacci intorno alle orecchie e poi tutto il problema della sanificazione di strumenti e ambienti.

Una crisi che già venti e più anni fa la categoria aveva dovuto affrontare con l’esplodere dell’emergenza aids che aveva fatto sparire il taglio della barba con rasoio a mano solo recentemente ritornato di gran moda nei barber shop.

 

 

Il rischio è che quando potranno riaprire e avranno i tantissimi clienti che non riuscivano più a stare con i capelli di due mesi, lunghi e bisognosi di tinta, questi clienti  vadano incontro a lunghissime attese con orari che inevitabilmente si dovranno protrarre per tutta la giornata fino alle 22 con l’apertura domenicale come era fino a cinquanta anni fa per i barbieri.

Un altro rischio non solo per le tasse ma per l’igiene e la prevenzione del contagio sia che questo punto si moltiplichino le parrucchiere e i barbieri  in nero a domicilio.

Mi dispiacerebbe per le tante parrucchiere in regola che in questi giorni si sono prodigate con video vari a consigliare una buona manutenzione casalinga per colore e acconciatura per le loro clienti.

Cosa andrà poi di moda alla riapertura non si sa: alcune e alcuni potrebbero aver scoperto il gusto dei capelli più lunghetti e quindi aggiustarli appena, altre stufe potrebbero provare tagli radicali nel timore di nuove chiusure, altre potrebbero rinnovare la tinta e magari cambiare colore, altre rinunciarvi per sempre in nome del ritorno a una certa naturalezza.

Le barbe potrebbero passare di moda perché fastidiose sotto la mascherina mentre vedremo se è sempre valida la teoria che vuole le donne adottare il taglio corto nei periodi di crisi economica e virare sul lungo in quelli più ricchi.

Certamente sarà comunque una categoria che avrà i suoi problemi ma mai come in questi giorni ha il suo giusto riconoscimento sociale.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni