Quando ero giovane mi colpì il racconto di monsignor Aldo Del Monte, vescovo di Novara, di quando si rifugiò, nella campagna di Russia, in un’izba dove una vecchia contadina, che aveva il figlio al fronte, gli diede un pane e poi gli fece vedere il suo unico tesoro: un’icona della Madonna.

C’erano tantissimi Alpini con la gavetta di ghiaccio e tantissimi sono rimasti lì sotto i girasoli per sempre in Russia proprio in quei giorni.

In questi giorni gli Alpini dell’Ana hanno allestito ben due ospedali da campo a Bergamo, lì lavoreranno i medici e gli infermieri militari arrivati dalla Russia.

Ora non ci sono più nemici, Alpini e Soldati russi sono fratelli.

Condividi:

Facebook
WhatsApp
Telegram
Email
Twitter

Condividi l'articolo

© 2020-2022 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

SEGUICI SUI SOCIAL