Mia moglie mi chiama con un soprannome: “Mimich”. Non vi dirò il perché, ma vi dirò che quello fu il mio primo “nick”, anzi “nickname” con il quale mi registrai nel sito Apple, nel lontano 2008, quando acquistai il mio primo I-Phone. Nel 2009 feci un soggiorno a New York e non potei fare a meno di andare a fare una visita nel nuovo tempio della Apple a New York City: l’Apple Cube, uno scintillante ed impressionante “store” della company di Cuppertino. Il cubo di cristallo è proprio davanti a Central Park e di fronte al Plaza.

Entrai in un giorno di pioggia bagnato ed emozionato. Con mia grande sorpresa nel salire sull’ascensore circolare che portava nel gigantesco negozio, sento arrivare, con il classico cicalino, un messaggio sul mio I-Phone. Il messaggio diceva: “Welcome to the Apple Cube in New York City, dear Mimich. Entering on the right you will find a genius who will help you find what you want” ovvero “Benvenuto all’Apple Cube a New York City, caro Mimich.

Entrando sulla destra troverai un “genio” che ti aiuterà a trovare ciò che desideri”. Forse basterebbe questo, ma invece non basta, perché effettivamente un “genius” (un giovane commesso Apple) in maglietta blu mi si avvicina e mi dice che se ho bisogno di aiuto posso rivolgermi a lui, poi mi offre un caffé e mi chiede come va in Italia.

Noi invece abbiamo inventato l’App Immuni che, ci comunicano dalla regia, sembra non servire ad una beata fava. Già perché non si capisce come mai un positivo al Covid dovrebbe andare in giro con l’App Immuni accesa invece che starsene a casa sua in quarantena. E non si capisce che cacchio ci importa se un ex-positivo al Covid, una volta fatta la quarantena, con la sua bella Appa Immuni comunica alla nostra App Immuni che lui, un tempo, è stato positivo al Covid. Ieri, lo stesso Prof. Ranieri Guerra rappresentante italiano dell’OMS, ha espresso qualche dubbio sul funzionamento dei “tracciamenti” dei positivi.

Ma la “colpa” non è solo della App Immuni e nemmeno il merito è solo di Apple se con la funzione “trova il mio I-Phone” posso vedere dove è finito il mio telefono, il mio l-Pad o il mio Mac. La colpa è soprattutto nostra e della nostra venerazione di un concetto di “privacy” del tutto inadeguato ai tempi in cui ci troviamo a vivere. Siamo pronti a regalare i nostri dati a tutti, ai social postando la fotografia sotto la registrazione fatta ai piedi della Torre di Pisa o, nominando uno per uno (taggando), gli invitati al nostro matrimonio, al supermercato Esselunga, per via della raccolta punti che ci regalerà un copriletto o i bollini per la scuola, regaliamo i nostri dati all’outlet per avere lo sconto sul maglioncino di cashmere, li regaliamo al benzinaio, lasciamo le nostre tracce con le carte di credito, i bancomat, votando il cantante al Festival di Sanremo, compriamo decine di cose inutili su Amazon, abbiamo il Telepass, insomma siamo come dei bravi cagnolini che fanno un goccino di pipì ovunque per segnare il territorio.

Ma se qualcuno ci vuole tracciare seriamente, per evitare di finire, noi e far finire altri, attaccati ad un ventilatore polmonare, allora no! Levata di scudi! Noi dobbiamo difendere la nostra sacrosanta privacy! Possono sapere tutto di noi tranne se io sono stato a fare l’umarel davanti al cantiere della metropolitana, perché quella è una terribile violazione della privacy! Andare contro il Covid con l’App Immuni e i fogli dell’autocertificazione è come andare a cercare di fra male a Mike Tyson con la punta della biro.

Però vuoi mettere la soddisfazione?! Noi saremo morti, ma la privacy sarà salva!

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

0 risposte

  1. Capisco la verve polemica dell’articolo, e capisco che il punto è una riflessione più ambia sul concetto di privacy, che è del tutto legittima. E condivisibile.

    Ma dato che c’è già tanta disinformazione, vorrei sottolineare questo punto:

    “Già perché non si capisce come mai un positivo al Covid dovrebbe andare in giro con l’App Immuni accesa invece che starsene a casa sua in quarantena. E non si capisce che cacchio ci importa se un ex-positivo al Covid, una volta fatta la quarantena, con la sua bella Appa Immuni comunica alla nostra App Immuni che lui, un tempo, è stato positivo al Covid”

    I due casi che lei descrive non sono contemplati dall’app. Chi ha il Covid deve rimanere a casa. E chi ha avuto il covid ma ora risulta sano, non deve fare nulla con l’app.

    L’app immuni serve appunto per gente che ha contratto il corona-virus. L’app si prenderebbe in carico di avvisare tutti quelli che sono rimasti in prossimità del soggetto contagiato, non solo quelli che lui conosce (cosa che si spera lui già faccia), ma anche gli sconosciuti sull’autobus. dicendogli di fare attenzione, isolarsi per un po’ o fare dei test. In questo consiste il tracciamento.

    Ma dato che la disinformazione (che anche lei un po’ diffonde) e la poca diffusione, rendono l’app immuni praticamente inutile.

  2. Gentilissimo “Come”, (la privacy prima di tutto), prendo atto delle Sue delucidazioni. Non mi risulta però che l’App Immuni stia funzionando un gran che. O almeno io non ne ho avuto notizia dai media. Forse sono “disinformati” come me…

  3. Infatti – come ho già scritto alla fine del mio precedente commento – il fatto che molti (tra i quali lei) non abbiano nemmeno capito a che scopo la app serva, ne ha decretato il suo sostanziale fallimento. In pochi la hanno installata, e in pochi ne fanno uso: circa il 12% in media (per dire: in Campania, Calabria e Sicilia, non si arriva al 10%. fonte: https://www.immuni.italia.it/dashboard.html)

    Le app di tracciamento hanno funzionato bene in piccole democrazie asiatiche (korea, taiwan); ma si sono rilevati più o meno inutili in occidente. Anche in Asia, nonostante il successo, ci sono stati dei reali problemi di privacy e fughe di dati (ad esempio: https://www.nytimes.com/2020/07/21/technology/korea-coronavirus-app-security.html)

  4. Gent. Come, Lei scopre l’acqua calda. Ho scritto in forma impersonale del testo appunto questo “non si capisce”, ma si tranquillizzi, io l’ho scaricata, ma evidentemente non ha convinto tutti, tanto vero come lei afferma l’hanno scaricata in pochi. Sorvoliamo sul fatto che molti smartphone non la supportano, ma è evidente che un tracciamento fatto in maniera “dolce” sia servito a poco. Per il fatto di essersi soffermato solo su una mia parziale e personalissima convinzione (magari sbagliata), Le ha fatto perdere il senso generale del post che afferma esattamente quello che afferma Lei: occorreva più coraggio nel tracciare i contatti di tutti. Per Sua comodità e scusandomi della poca eleganza, Le cito il mio testo: “…Ma la “colpa” non è solo della App Immuni e nemmeno il merito è solo di Apple se con la funzione “trova il mio I-Phone” posso vedere dove è finito il mio telefono, il mio l-Pad o il mio Mac. La colpa è soprattutto nostra e della nostra venerazione di un concetto di “privacy”…” Se legge con attenzione sono certo potrà condividere quanto ho scritto. In caso contrario La ringrazio comunque dell’attenzione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: