Il problema delle Radici cristiane dell’Europa è un problema annoso e non si può banalizzare solo se sia opportuno o meno augurare Buon Natale nelle comunicazioni ufficiali della Commissione Europea.

Romano Prodi nel suo recente libro intervista afferma che avrebbe voluto l’inserimento delle Radici giudaico-cristiane nel preambolo della Costituzione europea ma si era trovato di fronte al No irremovibile del Presidente della Repubblica francese di allora Jacques Chirac, un cattolico praticante e un uomo politico di destra in nome della tradizione nazionale della laicità e della separazione fra Stato e Chiesa.

Il problema è che Nostro Signore Gesù Cristo, per quelli come me che credono non solo che sia esistito ma che sia morto e risorto e sia il Signore della Storia, non ha parlato mai di Radici.Ha sempre parlato però di Frutti: vi riconosceranno dai Frutti ha detto ai suoi discepoli, i Frutti del Vangelo sono l’Amore e la compassione portati all’estremo fin contro i propri interessi nazionali, familiari, personali ad una vita tranquilla.Un’Europa che erige muri alle proprie frontiere per sbarrare la strada a uomini senza tetto, senza vestiti, senza cibo, che sfuggono alla guerra, potrà essere orgogliosa finché si vuole delle proprie Radici cristiane ma non lo sarà comunque in pratica che è la cosa che più conta.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Pier Luigi Tolardo

Pier Luigi Tolardo

54 anni, novarese da sempre, passioni: politica, scrittura. Blogger dal 2001.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni