Riparte Lilt.Art, sempre all’insegna della solidarietà a favore della Lega italiana per la lotta contro i tumori

Apre i battenti venerdì 26 novembre al Castello Visconteo-Sforzesco la settima edizione della mostra ideata dal presidente di Artisolide Massimo Romani. Ventotto le opere esposte, una sezione fotografica e la novità dei palloni “griffati” dalle giocatrici della Igor Volley

Riparte Lilt.Art con la sua settima edizione. A più di un anno e mezzo dalla sua originaria calendarizzazione (febbraio 2020, proprio quando il Coronavirus iniziava a diffondersi anche nel Novarese) ecco il nuovo appuntamento, venerdì 26 novembre a partire dalle 17 nel Castello Visconteo-Sforzesco, con la manifestazione d’arte benefica a favore della sezione provinciale di Novara della Lilt (Lega italiana per la lotta contro i tumori) ideata e curata dal presidente di Artisolide Massimo Romani. Lo scopo è sempre quello che ha caratterizzato i preceenti sei appuntamenti: sensibilizzare il mondo degli artisti e dei collezionisti del territorio sulle attività svolte dalla Lilt attraverso una mostra dove una serie di opere saranno messa all’asta e il cui intero ricavato dalla loro vendita sarà interamente destinato ai progetti di riabilitazione oncologica e sostegno psicosociale ed economico ai malati di cancro e ai loro familiari.


L’evento è promosso, oltre che dalla Lilt e da Artisolide, anche da Igor Gorgonzola e gode del patrocinio e della collaborazione del Comune di Novara, della Fondazione Castello e dell’Atl della Provincia di Novara, con il controbuto di Comoli Ferrari, Italgrafica e Spazio Vixace.


Oltre allo stesso Romani presentano lavori gli artisti Gianantonio Abate, Davide Baroggi, Lady Be, Alberto Bongini, Pako Bono, Corrado Bonomi, Roberto Borra, Dario Brevi, Gianni Cella, Caterina Ciuffetelli, Roberto De Nisi, Davide Ferro, Peter Hide 311065, Carlo Iorietti, Ernesto Jannini, Ion Koman, Enzo Maio, Alessandro Merlo, Fabrizio Molinario, Ugo Nespolo, Olinsky, Gianni Pedullà, Laura Priami, Isabella Rigamonti, Mikhail Roshnyak, Leonardo Santoli, Giovanni Sesia, Irene Zangheri e Paola Zorzi.


«E’ stata prevista – spiega Romani – anche una sezione di fotografia con una quindicina di immagini realizzate da Davide Grittini, ma la vera novità di quest’anno è rappresentata dalla presenza dei “palloni” delle pallavoliste della Igor Volley». Quattordici “pezzi” in tutto, firmati e… improntati dalle stesse giocatrici, su alcuni dei quali gli artisti hanno poi provveduto a decorare artisticamente (nella foto quello di Corrado Bonomi).


Il meccanismo dell’iniziativa ricalca quello degli anni passati. Ogni quadro, fotografia e pallone sarà oggetto di un’asta durante l’intero periodo espositivo con una base nettamente inferiore rispetto alla sua quotazione del mercato. Alla chiusura della rassegna le opere saranno aggiudicate al maggior offerente e, considerando che i lavori sono donati dai singoli artisti, quelli che non assegnati rimarranno patrimonio della Lilt. La mostra (con la possibilità di effettuare offerte) rimarrà aperta e visitabile sino all’8 dicembre, tutti i giorni (lunedì escluso), dalle 10 alle 12.30 e dalle 16 alle 19 con ingresso libero.

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Luca Mattioli

Luca Mattioli

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni