Le colline novaresi diventano palcoscenico per il Teatro Coccia

A Sizzano l'ultima data estiva è in programma al centro socioculturale “Vittoria e Guido Ponti”, ex edificio industriale ristrutturato grazie al finanziamento di Fondazione Cariplo

L’ex acetificio Ponti, divenuto centro socioculturale “Vittoria e Guido Ponti” sarà il palcoscenico dell’ultimo spettacolo della programmazione estiva del Teatro Coccia.

Tra i cinque progetti emblematici recentemente premiati da Fondazione Cariplo con la collaborazione di Fondazione Comunità Novarese, la struttura ha ricevuto un finanziamento di 900 mila per la costruzione di uno spazio aggregativo attraverso il riutilizzo di un edificio industriale mantenuto integro distribuito su un’area di 2000 metri quadrati: auditorium per 160 persone, sale dinamiche e adattabili alle esigenze oltre a un magazzino di reperti proveniente dagli scavi della Domus Culta e da altri siti archeologici locali realizzato in accordo con la Soprintendenza.

Un vero e proprio luogo per la comunità che giovedì 16 settembre ospiterà due mini opere contemporanee realizzate dagli allievi Amo, l’Accademia dei mestieri d’opera del Teatro Coccia.

“Appuntamento dal Cisti Fornaio” (da uno spunto offerto dalla seconda novella della IV giornata del Decameron), musica e libretto di Alberto Cara e “La zuppa di sasso”, musica di Federico Biscione su libretto di Stefano Simone Pintor sono i titoli in programma. La regina sarà curata da Renato Bonajuto, direttore dei casting del Coccia; in buca il Giovane Ensemble Guido Cantelli.

«Un appuntamento che va nella nostra stessa direzione di intenti – ha commentato il sindaco di Sizzano, Celsino Ponti -. Quando abbiamo messo mano al progetto, abbiamo pensato proprio a serate di questo genere: ci piace far parte del cartellone del Teatro Coccia che è il teatro di tutti noi novaresi».

Dopo Sizzano, lo spettacolo replicherà in Calabria e al Festival Pergolesi Spontini di Jesi.

Leggi anche

Teatro Coccia, 19 titoli per chiudere l’anno. Nel 2022 si torna alla tradizione

Socialità, cultura e inclusione. Da Fondazione Cariplo 5 milioni di euro per i progetti emblematici

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Condividi l'articolo

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email
Condividi su reddit
Condividi su vk

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Cecilia Colli

Cecilia Colli

Novarese, giornalista professionista, ha lavorato per settimanali e tv. A La Voce di Novara ha il ruolo di caporedattore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

SEGUICI SUI SOCIAL

Condividi

Condividi su whatsapp
Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su telegram
Condividi su email

Sezioni