Binario 9 e ¾, con Frankie hi-nrg mc il progetto entra nel vivo

Entra nel vivo il progetto Binario 9 e ¾, il percorso di creatività e narrazione pensato per promuovere il successo scolastico e formativo e sviluppato nell’ambito del Programma di Cooperazione Interreg V-A Italia-Svizzera 2014-2020, che coinvolge le scuole secondarie di primo grado di Novara e del Cantone dei Grigioni, in Svizzera. Il progetto è firmato dallo scrittore Giuseppe Catozzella, dall’informatico Fabio Sartori e dagli esperti della Scuola Holden.

Il primo a incontrare studenti e studentesse sarà Frankie hi-nrg mc, martedì 3 marzo presso Nòva – ex Caserma Passalacqua. Il rapper, autore e compositore, sarà intervistato proprio dai giovani a partire del suo ultimo libro, Faccio la mia cosa. Sarà l’occasione di conoscere da vicino un artista di spessore e fama, che nel rap ha trovato la possibilità di esprimere se stesso. Gli allievi e le allieve che prendono parte al progetto sono, a Novara, quelli dell’Istituto Bellini, del Convitto Nazionale “Carlo Alberto” e della scuola secondaria di primo grado G. Pajetta; in Svizzera, nella città di Coira, gli studenti della Giacometti Schulhaus.

 

[the_ad id=”62649″]

 

Le disparità nelle carriere scolastiche sono ancora molto forti: secondo il report INVALSI del 2018, infatti, i giovani che possiedono uno status socio-economico e culturale basso hanno punteggi inferiori. Ma il divario si accentua per gli studenti stranieri: anche in Svizzera, i giovani migranti, pur di seconda generazione, hanno risultati scolastici in tedesco e matematica che troppo spesso compromettono il proseguimento degli studi. Binario 9 e ¾ affronta queste problematiche concentrandosi prevalentemente sullo studio della lingua e della matematica, entrambe necessarie ad appropriarsi del mondo, esterno e interno a ognuno.

La produzione e il perfezionamento della lingua vanno di pari passo con una valorizzazione e una riscoperta del talento personale, e dell’invenzione di una rinnovata intimità con se stessi e con l’ambiente e la cultura circostanti. Al contempo la matematica, linguaggio universale che serve a comunicare descrivendo fatti e concetti in modo rigoroso, sintetico e predittivo, è un mezzo per trovare le necessarie risposte ai quesiti che il mondo pone.

Il progetto, ideato per scoprire un binario alternativo, un inaspettato punto di partenza per cambiare prospettiva e guardare al proprio futuro con occhi nuovi, agisce sulle problematiche citate attraverso tre assi progettuali: la didattica, l’orientamento e la partecipazione culturale.

Si tratta, per l’italiano, di una didattica centrata sullo storytelling, curata dallo scrittore Giuseppe Catozzella, di recente nominato dalle Nazioni Unite Ambasciatore per l’Agenzia ONU per i Rifugiati; per la matematica, di un pacchetto di giochi educativi su concetti matematici implementato con il programma “Scratch” e progettato dal professor Fabio Sartori, docente all’Università degli Studi di Milano Bicocca. Per l’orientamento, invece, da un programma studiato dalla Scuola Holden, prima scuola di scrittura creativa in Italia.

Binario 9 e ¾, vede capofila, per parte italiana, la Fondazione Circolo dei lettori in partenariato con Comune di Novara, Consorzio Scuola Comunità Impresa e Associazione Next-Level. In Svizzera partecipano l’Alta Scuola Pedagogica dei Grigioni, in veste di capofila, e l’Ufficio Orientamento professionale, negli studi e nella carriera Cantone Grigioni. È patrocinato da Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, Ufficio Scolastico Regionale per il Piemonte, Ufficio Scolastico Territoriale di Novara.

© 2020-2021 La Voce di Novara - Iscrizione al registro della stampa presso il Tribunale di Novara

Condividi:

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su whatsapp
WhatsApp
Condividi su telegram
Telegram
Condividi su email
Email
Condividi su twitter
Twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *